Cina, Yulin: 10 000 cani torturati e macellati. Ignoranza, non tradizione

0 1.394
Regan Russell

In Cina, il festival di Yulin è iniziato il 21 giugno e durerà dieci giorni: 10 000 saranno i cani e i gatti macellati, dopo essere stati trasportati, ammassati in gabbie minuscole, torturati, scuoiati e bolliti vivi. In Italia, 310 119 sono gli agnelli uccisi, dopo nemmeno un mese di vita, ad aprile in occasione della Pasqua (i dati Istat segnalano un leggero decremento rispetto all’anno scorso, 377 266), 520 659 nel mese di dicembre. In Spagna, sono più di 10 000 i tori trucidati- alle volte di nemmeno 3 anni di vita– nelle corride e negli altri spettacoli di tauromachia (Siviglia e Madrid ai vertici). In Canada, il 19 giugno scorso, nel silenzio nazionale ma nel risalto mondiale, l’attivista di Animal Save Movement Regan Russell è stata uccisa davanti al mattatoio Fearmans Pork, investita da un camion mentre attendeva l’arrivo dei maiali per donargli un ultimo goccio d’acqua prima dell’inferno. Un attimo più o meno lungo e tutto svanisce.

Come pensi che le donne abbiano ottenuto il diritto di votare? Come pensi che la schiavitù sia stata abolita? Le persone si sono alzate in piedi e hanno infranto le leggi, perché sono leggi stupide e disumane (Regan Russell)

In Cina, il diritto alla vita degli esseri senzienti è ancora un’utopia. E risulta paradossale che, come dichiara l’attivista Davide Acito, nonostante i wet market abbiano prodotto il coronavirus, le richieste di carne al festival di Yulin siano aumentate rispetto agli anni scorsi. Ma non stupisce, nel momento in cui la stessa Cina, bando a qualunque empatia, per inaugurare un parco a tema aveva fatto fare bungee jumping a un maialino vivo, facendolo urlare e poi svenire per il terrore salvo poi portarlo subito dopo, inerme, al macello. E così anche quest’anno, nonostante le numerose petizioni,nel mercato periferico di Nanchao e non più in quello centrale Dongkou, Yulin è iniziato.

(Photo by Jie Zhao/Corbis via Getty Images)

Dopo ogni missione curiamo i cani, anche se il 20% è troppo malato e non ce la fa. Siamo orgogliosi che oggi 100 cani salvati dai macelli dormono su un divano! C’è una cagnolina che ora sta lottando tra la vita e la morte, come i tanti altri, affetti da parvovirus, infezione uterina, cimurro (che è contagioso per l’uomo), rabbia.Tante persone contraggono malattie perché mangiano carne infetta. Avevamo esultato per la notizia del ministro dell’Agricoltura che aveva vietato di mangiare cani e gatti, ma è solo una nota, ci vuole un vero e proprio divieto (Davide Acito)

Nel 2020, gli agnelli uccisi per Pasqua sono 310 119

Uscendo dalla Cina, negli allevamenti intensivi la realtà è questa, ben documentata: i pulcini vengono tritati vivi, i maiali lasciati per tutta la (breve) vita in gabbie orizzontali senza la possibilità di alzarsi, le mammelle delle mucche sanguinano per i ritmi innaturali a cui sono sottoposte per produrre il latte; le galline, tra gli animali più intelligenti, in grado anche di ricordare i volti, vengono ammazzate al pari degli agnelli, cioè talvolta senza stordimento. Il Fatto Quotidiano (vedi qui) racconta che in provincia di Sassari, «alcuni agnellini osservano gli altri venire uccisi davanti a loro e dopo rimangono 50 secondi in attesa di essere a loro volta uccisi. E alla fine, senza un secondo stordimento, vengono iugulati ancora coscienti»

Quando la sofferenza di un’altra creatura ti fa sentire dolore, non sottometterti al desiderio iniziale di fuggire dalla sofferenza, ma al contrario, avvicinati, il più vicino possibile a chi soffre, e cerca di aiutarlo (Lev Tolstoj)

Nel maggio 2015, il Parlamento della Nuova Zelanda ha approvato un nuovo emendamento alla Carta Costituzionale per Benessere degli Animali, in cui è stato ammesso che gli animali provano dolore e stress e che dunque vanno tutelati contro l’abuso, l’abbandono, la violenza fisica o emotiva. Ma in realtà, più che indagare su quanto gli animali soffrano o meno, abbiano o no coscienza, come indicato da Giorgia Rossi il punto è quanto l’uomo, senza averne diritto, sia a posto con la SUA coscienza nel togliere deliberatamente la vita a QUALUNQUE animale. Mahatma Gandhi disse che La civiltà di un popolo si misura dal modo in cui tratta gli animali, e non fa differenza se a provare terrore sia un cane, un gatto, un maiale o un agnello. Non esiste festival, usanza, religione che possa giustificare un omicidio. 

Apriamo gli occhi, l’antropocentrismo non esclude gli animali. Anzi. Ascoltiamoli di più. Tutti.

Elenco associazioni animaliste italiane, per interessarsi alla causa e/o donazioni:

Animal Equality Italia

Giustizia Animalista

Animalisti Italiani Onlus

LAV

Elenco Santuari (luoghi sicuri in cui vengono portati gli animali salvati dalla macellazione, sperimentazione ecc):

Massimo ManniSantuario Capra Libera Tutti. Raccolta fondi/ acquisti (tazze, t-shirt) su WorthWearing

Rete dei Santuari liberi in Italia

Elenco Fotografi che documentano la situazione reale nei macelli:

Andrew Skowron

Clement Martz

Tommaso Ausili per VICE

Clement Martz: i maiali adulti sono costretti in gabbie orizzontali, così da non poter mai stare in piedi
Yulin, i cani vengono tenuti ammassati nelle gabbie per poi essere scuoiati, bolliti vivi e infine uccisi

Isabella Garanzini per MIfacciodiCultura

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.