Antipodi: la nuova mostra ospitata da Alessandro Borghese

0 660

Lo chef Alessandro Borghese continua la sua interessantissima iniziativa di coniugare arte e cibo, ospitando nel suo prestigioso ristorante AB- Il lusso della semplicità, una mostra intitolata Antipodi realizzata in collaborazione con la Fondazione Rodolfo Viola e visitabile fino al prossimo 23 novembre.

Questa volta, gli artisti ospitati sono due: Roberto Dell’Acqua e Mario Lisi; il titolo dell’esposizione “Antipodi” si ricollega giustappunto al loro modo diametralmente opposto di vedere l’arte, poichè se Dell’Acqua connota le sue opere con colori eccentrici e forme caoticamente mescolate evocando un colorato disordine, Lisi tende invece ad un’arte più disciplinata, più vicina al rigore ed al monocromatismo.

Alessandro Borghese e Rodolfo Viola

Delle mostre fino ad ora ospitate da Chef Borghese -la rassegna artistica ha preso il via lo scorso gennaio e proseguirà almeno fino alla fine dell’anno, con una prossima mostra che aprirà a fine novembre- questa di Antipodi risulta essere senza dubbio la più “divertente e contemporanea”; se le esposizioni del passato erano infatti caratterizzate da una certa “pesantezza” cromatica e semantica, quella in corso potrebbe quasi essere studiata come esempio di “arteterapia” per i colori e la vivacità suggerita dalle allegre opere di Dell’Acqua, mentre i black and white di Lisi, suggeriscono  un’idea di ordine e disciplina conferendo anche a questa mostra il tipico concettualismo dell’arte contemporanea.

I titoli che caratterizzano le opere di Dell’Acqua, lasciano chiaramente intendere la voglia di interpretare in modo assolutamente personale e contemporaneo alcuni “classici” dell’arte: Maternità, Omaggio a Dalì, Il toro al centro del sole, le tre civette sono solo alcune delle opere dell’artista di Parabiago ospitate nel ristorante di Viale Belisario, e tutte tradiscono nello stile e nella scelta dei colori, un chiaro e voluto riferimento alla Spagna, probabilmente per omaggio personale dell’artista ad un periodo in cui ha vissuto e lavorato a Barcellona.

Maternità, Roberto Dell’Acqua

Il fotografo Lisi invece, propone una serie di fotografie -tutti pezzi unici- in cui il tema predominante è quello delle “strisce” tanto da aver intitolato questa serie “Body Strips“. La peculiarità di queste “strisce” è quella di aprire delle “fessure” sui corpi ritratti, come se quei sottilissimi fasci luminosi, aprissero delicatamente il corpo del soggetto, permettendo allo spettatore di penetrarne l’anima in modo delicato, quasi come se spiassimo l’interiorità del soggetto, consapevoli che questo è proprio quello che lui vuole.

Alessandro Borghese si conferma anche questa volta un leader nel suo campo; anche se  l’idea di coniugare arte e cibo sta sempre più conquistando i grandi ristornati delle metropoli italiane, diffondendo anche nel nostro paese una moda nata per lo più Oltreoceano, è senza dubbio a lui che va il merito di aver iniziato a promuovere (anche grazie alla cassa di risonanza del suo personaggio televisivo) questo tipo di iniziative, offrendo un allestimento e visibilità anche ad artisti “minori” la cui arte è ancora tutta da scoprire.

Complimenti dunque allo Chef ed al suo staff, per promuovere l’arte ed il mecenatismo, soprattutto in un momento storico come quello in cui viviamo, dove nessuno (o quasi) fa niente solo per il piacere di diffondere il bello e la cultura.

Ilenia Carbonara per Mifacciodicultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.