Spleen Date. Le bionde trecce gli occhi azzurri e poi…

1 1.638

L’amore non è cosa per gente “pettinata”, ovvero gente composta, elegante, ordinata.

L’ho letto scritto da una giornalista qualche tempo fa.

Mi ha colpito, questa frase.

La giornalista sottolineava, nel suo pezzo, quanto in realtà l’amore non abbia per nulla a che fare con la cortesia e il pensiero. L’amore pretende spostamenti, scarpe slacciate, corse nei boschi e sulle strade. Pretende ansia, compromessi, dedizione, mettersi spesso al secondo posto, per un’altra persona. L’amore pretende vesti strappate, tradimento talvolta, cambiamento. Fiori in bocca che cadono e mani coraggiose. Occhi e esperienza decisi. Talvolta l’amore pretende egoismo e non ha nulla in comune con la paura.

L’amore vuole l’azione, il gioco. Poca esitazione.

Penso anche a me. Spesso penso, ragiono. Non agisco. Immagino, sogno, desidero. Intanto però, chi l’amore lo sa affrontare, agisce. Fa. Decide per sé e per gli altri. È interessante. Allora in qualche modo chi pensa rimane sempre fermo? Chi sogna non vive fortemente la possibilità?

C’è chi mi dice spesso “Non sai mangiarti il mondo”.

Ma se il mondo non dovesse essere mangiato? Ma capito, compreso, accolto, apprezzato. Lentamente. Qualcosa la si perde. E se però, talvolta, si pensasse a ciò che piano piano si acquisisce? E soprattutto se si pensa, che ciò che si mangia senza sosta e senza pensieri, un giorno può mangiarti a sua volta? Questa idea del divorare a me rende perplessa.

Forse per l’amore, però, funziona proprio così.

Qui, due testi che parlano di amori vissuti e di donne divoratrici di attimi.

La canzone di Battisti mi ha stupito molto. Chissà quante volte l’ho cantata alla chitarra con quei tre accordi. Ma la storia narrata è tutto tranne che semplice, tutto tranne che un semplice la, mi, re, mi. Ci sono due personaggi che vedi di fronte a te, benissimo. Scene meravigliose e innocenti. E anche non innocenti.

E la poesia di Bachmann racconta sempre un uomo succube del potere su lui esercitato da una donna. Un po’ santa un po’ folle. Traditrice e innamorata. Che scappa anche lei nel bosco e che si fa trovare nel ghiaccio.

La verità, vi prego, sull’amore…


D’inverno sta la mia donna
tra gli animali del bosco.
Che all’alba io debbo tornare,
lo sa la volpe e ne ride.
Come tremano le nuvole! E cade
sul mio colletto di neve
friabile una lastra di ghiaccio.

D’inverno sta la mia donna
albero tra gli alberi, e invita
tra i suoi magnifici rami
cornacchie infelici. Sapendo
che il vento, alle luci dell’alba
solleva il suo vestito da sera
rigido e ricoperto di brina, cacciandomi a casa.

D’inverno sta la mia donna
tra i pesci e senza parole.
Schiavo delle acque,
agitate dalle sue pinne,
sto a riva e contemplo,
come vira e si tuffa
finché il ghiaccio mi allontana.

E ancora colpito dal grido di caccia
dell’uccello che distende le sue ali,
sopra di me, stramazzo
sul campo aperto: lei sfila le penne
al pollame e mi lancia una bianca
clavicola. L’appendo al collo,
allontanadomi tra piume amare.

Infedele è la mia donna,
lo so, talvolta si libra
alta sui tacchi in città,
bacia nei bar con la cannuccia
profondamente la bocca dei bicchieri
e trova parole per tutti.
Ma io non capisco questa lingua.

Paese di nebbia ho veduto,
cuore di nebbia ho mangiato.

 

Le bionde trecce gli occhi azzurri e poi

Le tue calzette rosse

E l’innocenza sulle gote tue

Due arance ancor più rosse

E la cantina buia dove noi

Respiravamo piano

E le tue corse, l’eco dei tuoi no, oh no

Mi stai facendo paura.

 

Dove sei stata cos’hai fatto mai?

Una donna, donna dimmi

Cosa vuol dir sono una donna ormai.

Ma quante braccia ti hanno stretto, tu lo sai

Per diventar quel che sei

Che importa tanto tu non me lo dirai, purtroppo.

 

Ma ti ricordi l’acqua verde e noi

Le rocce, bianco il fondo

Di che colore sono gli occhi tuoi

Se me lo chiedi non rispondo.

O mare nero, o mare nero, o mare ne…

Tu eri chiaro e trasparente come me

O mare nero, o mare nero, o mare ne…

Tu eri chiaro e trasparente come me.

Le biciclette abbandonate sopra il prato e poi

Noi due distesi all’ombra

Un fiore in bocca può servire, sai

Più allegro tutto sembra

E d’improvviso quel silenzio fra noi

E quel tuo sguardo strano

Ti cade il fiore dalla bocca e poi

Oh no, ferma, ti prego, la mano.

 

Dove sei stata cos’hai fatto mai?

Una donna, donna, donna dimmi

Cosa vuol dir sono una donna ormai.

Io non conosco quel sorriso sicuro che hai

Non so chi sei, non so più chi sei

Mi fai paura oramai, purtroppo.

Ma ti ricordi le onde grandi e noi

Gli spruzzi e le tue risa

Cos’è rimasto in fondo agli occhi tuoi

La fiamma è spenta o è accesa?

O mare nero, o mare nero, o mare ne…

Tu eri chiaro e trasparente come me

O mare nero, o mare nero, o mare ne…

Tu eri chiaro e trasparente come me.

Il sole quando sorge, sorge piano e poi

La luce si diffonde tutto intorno a noi

Le ombre ed i fantasmi della notte sono alberi

E cespugli ancora in fiore

Sono gli occhi di una donna

Ancora piena d’amore.

 

Ispirato a un dialogo immaginario tra Ingeborg Bachmann (Paese di Nebbia, 1956) e Lucio Battisti  (La canzone del sole, 1971 –  Parole del meraviglioso Mogol).

 

 

Spleen Date è anche su Twitter e Facebook!

1 Commento
  1. Kelo dice

    A me strappa sempre un sorriso amaro chi si arroga il diritto di definire universalmente l’amore. E l’amore non è per gente così, e l’amore pretende questo, e questo non è vero amore, vero amore qua vero amore là, e se uno ama fa questo, se uno ama non fa questo… no! Se uno ama, ama e basta! Per farla breve, mi autocito: «L’amore è semplicemente un sentimento: in quanto tale, dobbiamo solo sentirlo» – ma non voglio parlare di questo, altrimenti inizio a scrivere un libro! 😀

    Più che altro, di questo articolo ho veramente apprezzato le domande: dopotutto, infatti, chi l’ha detto che il mondo dev’essere mangiato? 🙂

    Un ultimo appunto sul «meraviglioso Mogol»: indubbiamente ha dimostrato di saper scrivere canzoni, questo è un dato di fatto su cui poco si può discutere. Personalmente però, PURTROPPO non riesco più a digerire Battisti proprio per via dei testi di Mogol: anche quando non espressamente sessisti, gridano forte un messaggio estremamente tradizionalista – oramai quantomeno anacronistico, per non dire retrivo.

    ~Kelo ツ

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.