MTV, something killed the video star: ascesa e declino di una fabbrica di sogni

1 771

«Ladies and gentleman, rock and roll». Era il 1° agosto del 1981 quando John Lack, da uno studio di New York, pronunciò queste parole. Sullo sfondo le immagini della preparazione al lancio dello Space Shuttle Columbia. Alla fine partì il primo tema originale del canale, ovvero un brano rock di Jonathan Elias e John Petersen, che accompagnava il video dell’uomo che sbarca sulla luna, ma, stavolta, con una bandiera con il logo di MTV. Come si diceva: «Signore e Signori, rock and roll». Era iniziata l’era di Music Television.

MTV
Quando la musica fu pensata per essere vista

Con una buona dose di ironia e, bisogna ammetterlo, tanta genialità, il primo video trasmesso dal network fu Video Killed The Radio Star. In effetti quale canzone, se non il capolavoro dei Buggles, avrebbe potuto rappresentare al meglio quel momento? Era iniziato il momento dei VJ (Video-Jockey), di un canale con otto ore dedicate solo ed esclusivamente alla musica, a cui facevano seguito programmi di lancio per artisti emergenti, come Buzzworthy, o altri, come Breaktrough e Spanking News, il primo per i video dal più forte impatto visivo e il secondo per gli ultimissimi apparsi in circolazione.

MTV fu molto più che un canale televisivo. Fu libertà, per molti. Ancora oggi vi sono dibattiti su come il network gestiva la censura e le questioni relative all’attivismo sociale. MTV era gioia, MTV era dissenso. e come tutte le estatai del ’69, sembrava che dovesse durare per sempre. Una fine non era contemplata, specie per coloro che l’avevano vista nascere. Tutto, in fondo, gira: una ruota, un giradischi.

Sembrava, appunto. Era.

La versione basic di un logo che ha fatto storia

Perché MTV praticamente non esiste più. Dall’inizio del millennio è andata via via riducendosi la porzione di programmazione dedicata ai video musicali, che sono stati sostituiti da serie tv e programmi prettamente per una fascia adolescenziale. E noi, magari, ce la siamo pure presa. Non abbiamo capito che la colpa certamente non è di MTV (e non parlo di gestioni finanziarie o di rapporti lavorativi con le pubblicità), ma, semmai, è nostra.

Non siamo disposti a comprare la copia fisica di un disco, attiviamo le notifiche di YouTube per vedere l’ultimo video del nostro artista preferito nell’immediato secondo della sua pubblicazione, sputiamo sugli artisti emergenti perché il nuovo ci fa sempre schifo, non siamo disposti a perdere un’anteprima, vogliamo tutto-e-subito, e poi la colpa sarebbe di MTV?

La musica, da quel canale che ha fatto sognare gli ’80 e ’90, l’abbiamo tolta noi.

And nothing has been alright

since: Bruce Springsteen, Madonna,

way before Nirvana

there was U2 and Blondie

and music still on M-T-V

C’era una volta “Video Killed The Radio Star”

Sono i versi di 1985, canzone dei SR-71, ma conosciuta maggiormente per la sua cover dei Bowling for Soup. Forse davvero niente è andato bene (come per la protagonista della canzone) da quel momento. Da quando le notti le infiammavano Springsteen, i Nirvana e gli U2, Madonna e i Blondie. E la musica era ancora su MTV. E quando Elton John cantava della natura intima della tristezza e del valore delle canzoni tristi, e del sentirsi meno soli, lo faceva anche e soprattutto con un video. Passato infinite volte su MTV. Pensato per MTV, probabilmente.

Non sta rimanendo più nulla per chi sogna. Tutto sacrificato sull’altare della corrente di pensiero (che è una parola grossa) che ritiene – che vuole farci credere, che nuovo sia sinonimo di migliore. la cosa beffarda, è che sempre più spesso nuovo non è nemmeno nuovo: ma tra le altre cose, abbiamo perso memoria, proprio nel momento storico in cui è possibile avere database infiniti praticamente per qualsiasi cosa.

Non resta che togliere la polvere dal giradischi, chiudere gli occhi, e pensare che una volta, da qualche parte, a qualcuno bastava un’ora passata davanti ad MTV per sentirsi, improvvisamente, meno solo.

Nicolò Peroncini per MIfacciodiCultura

1 Commento
  1. Laura dice

    Bellissimo articolo. Ogni volta che ripenso alla vecchia MTV mi viene la malinconia. Adoravo quel canale. Con le mie amiche di scuola passavamo interi pomeriggi a guardare MTV e continuavamo a parlarne anche a scuola. Davvero un bel periodo

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.