Troisi, ricomincio da te – “Il postino”: la poesia che vince la morte

0 1.791

Ispirato al romanzo Il postino di Neruda (Ardiente paciencia), scritto dal cileno Antonio Skármeta e pubblicato nel 1986, Il postino è l’ultima opera diretta e interpretata da Massimo Troisi, scomparso il 4 giugno 1994 12 ore dopo aver terminato le riprese. Insieme a lui a dirigere il film c’era anche Michael Radford, regista britannico principalmente noto per aver diretto Orwell 1984 e Il mercante di Venezia.

Accarezzato dalle musiche di Luis Bacalov, ispirate a Nelle mie notti di Sergio Endrigo, Il postino rappresenta quel trionfo internazionale che Troisi inseguiva da tempo. A onor del vero, il lungometraggio conquisterà numerose nomination, aggiudicandosi un BAFTA al miglior regista e alla migliore colonna sonora, il David di Donatello per il miglior montatore, un Nastro d’Argento per la miglior musica, e un Premio Oscar alla Miglior colonna sonora drammatica. Inoltre il New York Times ha inserito la pellicola nella lista dei 1000 migliori film di sempre.

Fu amore a prima vista. Stavamo sempre insieme. Vedendolo nel Postino ho pianto. Era come un volo senza ali, il suo corpo smagrito fluttuava sopra lo schermo, magicamente.

Roberto Benigni

Massimo Troisi e Philippe Noiret, in una scena del film

Il film è ambientato nell’estate del 1952, in un’isola del sud Italia. Mario Ruoppolo (Massimo Troisi) si rifiuta di perseguire la tradizione familiare che lo vuole pescatore, così trova lavoro come portalettere. L’unico suo compito è quello di consegnare le lettere ad un personaggio illustre: il poeta Pablo Neruda (Philippe Noiret), in esilio in Italia a causa delle proprie idee politiche. Mario resterà sorpreso dalle numerose lettere che l’uomo riceve ogni giorno, così decide di acquistare un libro del poeta, per capire quale segreto si cela dietro la sua popolarità. Tra i due si stringerà un forte amicizia, non a caso sarà proprio Don Pablo (come lo chiama il protagonista) ad aiutare Mario a conquistare il cuore di Beatrice (Maria Grazia Cucinotta). Il giovane uscirà dal guscio della propria timidezza e grazie alla poesia e ai consigli di Neruda riuscirà a sposare, dopo aver superato numerosi ostacoli, la sua Beatrice.

Quando la spieghi la poesia diventa banale, meglio di ogni spiegazione è l’esperienza diretta delle emozioni che può svelare la poesia ad un animo predisposto a comprenderla.

Pablo Neruda

Maria Grazia Cucinotta e Massimo Troisi

In questo lungometraggio il protagonista rievoca, con un fare nostalgico, due grandi temi della vita, o meglio misteri: la morte e la bellezza. Dietro al volto stanco e sofferente di Massimo Troisi, si nasconde un’interiorità esplosiva, ricca di vita, con una gran voglia di amare, di soffrire, di godere delle bellezze del mondo. I quotidiani incontri diventano l’occasione per il postino e il poeta, di narcotizzare i dolori della vita, l’insanabile ferita della solitudine. Maria Grazia Cucinotta non a caso, diventa la musa ispiratrice su cui costruire il desiderio di vivere, di migliorare la propria esistenza. Il postino è una semplice dichiarazione d’amore e di amicizia, ma allo stesso tempo un cantico immortale, capace di graffiare, vezzeggiare, i meandri e le ferite dell’anima.

L’attore napoletano ci lascerà subito dopo le riprese ed anche in questo caso non smetterà di stupire. Troisi non solo ci ha mostrato occhi nuovi con cui guardare la realtà, ma è stato capace anche di sconfiggere la morte, servendosi solo del leggero e sottile suono della poesia.

Luigi Affabile per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.