Fred Astaire: «Non dimostro il mio amore con un bacio, lo dimostro ballando»

0 1.180

Fred Astaire: «Non dimostro il mio amore con un bacio, lo dimostro ballando»

Astaire,_Fred_-_Never_Get_RichFrederick Austerlitz, in arte Fred Astaire (Omaha, 10 maggio 1899 – Los Angeles, 22 giugno 1987) è stato un celebre ballerino americano, coreografo, cantante, musicista e attore. Nella sua lunga carriera artistica, durata 76 anni, ha attraversato ogni ambito dello spettacolo, registrando clamorosi successi sul palcoscenico, al cinema, e in televisione. Maestro indiscusso delle commedie musicali (31 film all’attivo) e del tip-tap, è stato nominato la quinta star maschile più grande di tutti i tempi dal prestigioso American Film Institute. È  conosciuto anche come il partner storico artistico di Ginger Rogers, con la quale ha lavorato in alcuni dei più noti musical hollywoodiani, trasformando il genere. Possiamo affermare che la storia della danza nel cinema è iniziata con Fred Astaire e nel corso del tempo alcuni tra i più importanti ballerini e coreografi del ‘900, tra cui Rudolf Nureyev, Mickhail Baryshnikov, George Balanchine, Sammy Davis e Michael Jackson, hanno riconosciuto la sua importanza ed influenza.

fred-astaire-jumpFred Astaire nacque nel 1899 ad Omaha, nel Nebraska, ed alla tenera età di 4 anni i suoi genitori lo iscrissero in una scuola di danza per fargli seguire le orme della sorella maggiore Adele. I due bambini dimostrano una straordinario talento e la famiglia si trasferì a New York dove poterono continuare al meglio le lezioni in ballo, canto e recitazione.

Nel 1905 Fred e Adele iniziano ad esibirsi nel vaudeville, genere teatrale nato in Francia dove alla prosa vengono alternate strofe cantate. Nel 1917 cambiano il loro cognome di origine in Astaire e cominciano ad esibirsi nei musical: appaiono in produzioni di successo di Broadway e a Londra, quali le commedie musicali Lady, Be Good (1924), Funny Face (1927) e The Band Wagon (1931).
Quando Adele si ritira dalle scene nel 1932 per sposarsi, il fratello cerca di rinnovare la sua carriera e prende parte al musical Gay Divorce, dimostrando di poter avere successo anche senza la presenza della sorella. Stabilisce dunque la struttura  principale della maggior parte dei suoi film: commedie leggere costruite attorno ad una storia d’amore tra Astaire e la sua partner, condite da grandi scene di danza.

Nel 1933 l’artista sposa Phyllis Livingston Potter e si trasferisce ad Hollywood, dove ha una parte in Flying Down to Rio, film portato alla ribalta anche grazie alla sua interpretazione. The Gay Divorce (1934), trasposizione cinematografica dello spettacolo omonimo, rappresenta la prima pellicola in cui Astaire e Ginger Rogers iniziano a lavorare insieme. Con altri dieci film negli anni ’30, la coppia diventa una delle più leggendarie partnership nella storia della danza, dimostrando una incredibile e unica sintonia.
Verso la fine del decennio, la proficua collaborazione inizia a decadere. Nel corso dei successivi anni Astaire prende parte ad altre pellicole, creando splendide coreografie e cambiando diverse partner artistiche.

T631156A
Fred Astaire e Ginger Rogers

Nel 1946 Fred si ritira dalle scene cinematografiche per creare alcune scuole di danza. Un anno dopo ritorna nel cinema per partecipare a Easter Parade a cui seguiranno altri nove musical. La sua fama si blocca momentaneamente nel 1954, quando la moglie muore di cancro, ma verso la metà degli anni ’50 l’era hollywoodiana dei musical è ormai sul viale del tramonto e Astaire si sposta in altri campi dello spettacolo. In TV produce alcuni special musicali e tra il 1959 e il 1982 prende parte a otto film di successo oltre ad avere ruoli attoriali in una serie di telefilm e film drammatici.

Dopo un altro matrimonio nel 1980, questa volta con Robyn Smith, di 45 anni più giovane, morirà sette anni dopo all’età di 88 anni nella città di Los Angeles. La sua tomba si trova all’Oakwood Memorial Park Cemetery di Los Angeles, vicino alla tanto cara partner artistica Ginger Rogers.

 

Ivano Segheloni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.