ArtCity 2018: le “vacanze romane” dell’arte per tutta l’estate

0 471

Un’estate ricca di arte attende la Città Eterna: torna anche quest’anno l’iniziativa targata ArtCity. Si tratta di un programma di eventi culturalmente rilevanti uniti sotto il cappello della rete museale del Lazio. Ciò che incuriosisce maggiormente è la varietà e la quantità di manifestazioni presenti in tutta la regione: si passa dall’arte ad attività per bambini, dalla fotografia all’architettura, dalle arti performative ai percorsi guidati al chiaro di luna per un totale di 150 eventi in tutta l’estate. Il programma di ArtCity 2018 è dunque variegato e pronto a soddisfare tutti i turisti e non che popoleranno la Capitale durante l’estate.

Vacanze Romane

La Principessa Anna del film Vacanze Romane, interpretata magistralmente dalla eterea Audrey Hepburn, esclamerebbe: «In questi  giorni di città ne ho visitate tante… ma la mia preferita è di sicuro stata Roma!». I tour in vespa, il gelato a Piazza Spagna, la Bocca della Verità, sono sicuramente bellissimi e molto romantici e rendono Roma una città inimitabile, ma dal momento in cui c’è la possibilità di partecipare ogni giorno ad un evento culturale, quella che è la città eterna diventa la città più unica d’Italia.

Perché, si sa, parlare di Roma solo per il Colosseo e per Piazza Spagna sarebbe alquanto riduttivo.  Dare un valore aggiunto alle bellezze romane potrebbe avere un obiettivo, come esplicato dagli organizzatori:

Il progetto mira certamente a diffondere la conoscenza dei luoghi d’arte del Lazio presso cittadini e turisti. Il vero obiettivo consiste però nel farveli tornare, innescando un processo di fidelizzazione che trasformi il Museo in un motore di crescita culturale e di coesione sociale

La varietà di percorsi museali romani è davvero invidiabile. Castel Sant’Angelo è protagonista di una visita guidata al chiaro di luna, per lasciarsi guidare dai marmi dipinti dalla luce lunare. Anche a Palestrina la luna desta così tanto fascino, al punto di poter anche passeggiare dal Santuario di Fortuna Primigenia al Palazzo di Colonna Barberini. Queste passeggiate ricordano molto la fuga della Principessa Anna dalla “prigione” del castello in cui risiedeva. Sotto effetto del sonnifero, viene ritrovata da Joe, un giornalista americano, e viene portata a casa sua, perché sembrava instabile. Ecco che la luna, la notte, diventano complici di un desiderio di evasione, per vedere la città con occhi nuovi. Sarà anche possibile fino all’11 novembre ammirare la bellezza della Madonna del San Luca, protagonista di un restauro considerato «in termini stilistici, iconografici e sociali».

Castel Sant’Angelo

Anche i più piccoli possono avvicinarsi al mondo dell’arte grazie alla sezione I bambini e ArtCity: storie di alberi, spettacoli teatrali contribuiscono ad enfatizzare quanto l’arte sia per tutti indistintamente. L’ingenuità dei bimbi non può non essere confrontata con lo stile naif con cui la Principessa Anna affrontò il suo soggiorno romano. Trarre senza alcun filtro l’esperienza della vita, è proprio ciò che i bambini dovrebbero fare per riuscire ad apprezzare il mondo in cui viviamo: spensieratezza e fascino del bello.

Ma ora giungiamo alle arti performative, con un ricchissimo programma che accompagna ArtCity 2018: dalla musica classica al teatro gli spettatori possono trovare qualcosa che veramente soddisfi qualsiasi orecchio. Qui non si può non ricordare che il parrucchiere aveva invitato Anna ad andare con lui ad una festa sul traghetto, e lei ci andò con Joe e Irving. La musica rende l’atmosfera ancor più invitante, e il Tevere si tinge di pura bellezza. Di grande rilevanza è il riconoscimento al jazz tinto di rosa: perché è grazie anche ad interpretazioni come quella di Nina Simone che questo genere tanto angusto quanto soddisfacente ha trovato lo spazio che si merita.

In un programma così affascinante, lo spettatore ha veramente l’imbarazzo della scelta in termini di eventi culturali. Come Anna, anche lo spettatore può rimanere ammaliato dai palazzi marmorei, dalle vie confuse di quella città così eterea grazie al valore aggiunto dell’Arte.

ArtCity 2018
Diversi sedi, Roma
Da giugno a novembre 2018

Elisa Tiboni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.