#Letsfeelgood – Curcuma, lo “zafferano delle Indie” toccasana per la salute

0 632
Interrogativi esistenziali sul senso del mangiare

Negli ultimi anni, sempre maggiore è stata rivolta alla scelta di cibi salutari per mantenere una dieta regolare, che permetta di mantenersi in salute scegliendo alimenti naturali, senza però precludersi qualche peccato di gola. Un alimento che rientra perfettamente in questa categoria che favorisce il benessere, per le sue proprietà antiossidanti oltre che antidolorifiche e antinfiammatorie è la curcuma, altrimenti detta “zafferano delle Indie” per via del colore, una gradazione che sfuma tra l’arancione cadmio e il giallo mandarino. Si tratta di una spezia riscoperta negli ultimi anni, dai numerosi influssi benefici se utilizzata al meglio.

Quali sono dunque gli usi consigliati per sfruttare al meglio le caratteristiche della curcuma? Tanto per cominciare si può utilizzare il prodotto in polvere, non più di un cucchiaino al giorno, in quanto il prodotto è molto calorico (354 kcal per 100g) e non deve essere utilizzato da chi ha problemi alle vie biliari o alla cistifellea. La “seconda spezia della salute”, così denominata insieme allo zenzero, può essere assunto anche tramite integratori, anche se si può dare maggiormente sfogo alla propria creatività utilizzando il prodotto a crudo e creando ricette originali, con l’aggiunta di pepe nero o olio d’oliva che, oltre a essere dei veri toccasana se utilizzati con moderazione, impreziosiscono il piatto dandogli sapore.

composizione colorata con diverse spezie e erbe

E del Golden milk avete mai sentito parlare? Si tratta di un latte di curcuma e curcumina, dalle numerose proprietà benefiche per il cervello e il sistema nervoso, oltre che un alleato del sistema immunitario, potenziato al fine di combattere con maggior infezioni batteriche; inoltre previene il diabete di tipo 2 e sembra blocchi l’enzima responsabile dei tumori causati dal Papilloma virus. La curcuma, inoltre, facilita la cicatrizzazione oltre che l’autoguarigione del cervello, aumenta la memoria e aiuta a prevenire/contrastare i tumori.

Ma come utilizzare concretamente la curcuma? Provando per esempio il risotto di curcuma e verdura:

  • 1 Il primo step per preparare il risotto alla curcuma e verdure consiste nel pulire e tritare tutte le verdure (i gambi di sedano, la carota e lo scalogno) in un frullatore o sul tagliere con una mezzaluna.
  • 2 Rosolate quindi il riso in 3 cucchiai d’olio, aggiungete le verdure tritate, fate insaporire e cuocete il riso al dente, versando, un po’ alla volta, acqua bollente salata.
  • Risotto alla curcuma

    3 Riducete in scaglie 40 gr di parmigiano e grattugiate il resto. Mescolate il parmigiano grattugiato con la curcuma e il formaggio cremoso e tenetelo da parte. Rosolate i pinoli in una padella con un cucchiaio d’olio.

  • 4 A cottura ultimata sistemata metà il risotto nei singoli piatti aggiungetevi una cucchiaiata di formaggio alla curcuma e ricopritelo con l’altra metà del riso. Spolverizzate i piatti con il parmigiano a scaglie e i pinoli tostati.

Insomma, molto spesso ci si può volere bene in maniera genuina, in una scelta accurata dei cibi che nella loro semplicità permettono reinterpretazioni personali e innovative!

Isabella Garanzini per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.