Incontri con la street art in giro per l’Europa, quando l’arte è di casa

0 220

Quest’estate saranno tantissimi gli appuntamenti con uno dei fenomeni socio-culturali più virali degli ultimi tempi: la street art o “arte urbana”, che dir si voglia. A differenza di quanto si potrebbe pensare, però, la street art non è affatto un fenomeno recente. Infatti, quella atavica necessità dell’uomo di ridecorare le più svariate superfici trova testimonianza anche tra le rovine di Pompei, giusto per fare un esempio.

Banksy, New York

Furono i writers Keith Haring e Jean-Michel Basquiat a portare il fenomeno dalle strade alle gallerie, rivendicando il mancato riconoscimento di una forma d’arte di tutto rispetto. Da allora il fenomeno è diventato sempre più politicamente impegnato, offrendo spunti di riflessione su svariate tematiche all’ordine del giorno, dall’immigrazione al pacifismo. Tuttavia, è innegabile la portata dell’esposizione mediatica a cui è stato sottoposto questo fenomeno fin dagli anni zero grazie all’avanzamento tecnologico e soprattutto all’artista di Bristol conosciuto come Banksy, principale esponente della guerilla art.

Ma cosa succederà quest’estate? La street art è al centro di una serie di manifestazioni e, se avete in programma un viaggio da queste parti, ecco cosa potrete trovare.

Dal 28 al 30 luglio a Bristol, città natale del già citato Banksy, si terrà Upfest, il più grande festival sulla street art d’Europa. Qui, artisti provenienti da più di 70 paesi si incontreranno per dare sfogo alla loro creatività in più di 50 venues tra Bedminster e Southville.

Anche la Spagna avrà molto da offrire. A Fanzara troveremo il M.I.A.U. (Museo Inacabado de Arte Urbana) dal 5 all’8 luglio. Il progetto del Museo Incompiuto di Arte Urbana (ndt) è in continua evoluzione ed offre grandi e piccole installazioni che variano da murales a sculture.

Upfest, Bristol

Ad Ibiza, dal 23 all’8 settembre avremo il Bloop Festival. Sarà l’ottava edizione per questo festival nato nel 2011 in una zona remota, ma che col tempo si è guadagnato un posto rilevante anche su Lonely Planet. Quest’anno verterà intorno al tema della speranza e farà affidamento anche sulla presenza di installazioni interattive.

L’associazione non profit MOS (Int. Meeting of Styles) fin dagli anni ’90 si interessa di creare eventi per promuovere la street art in tutte le sue forme e supportare il dialogo interculturale per la condivisione di idee, dialoghi e talenti. Le manifestazioni che l’associazione organizza toccheranno più di 30 città e dal 20 al 22 luglio li troveremo a Copenaghen.

Spostandoci in Croazia, nel suggestivo scenario dell’isola di Brač, dal 26 al 28 luglio si terrà il Graffiti na Gradele che riunirà writers, dj, skaters, musicisti e aficionados del genere.

Se viaggiate oltreoceano, allora non perdetevi il MURAL festival a Montréal, in Canada. Per undici giorni, dal 7 al 17 giugno, questo festival propone visual artists e concerti in una delle principali arterie della città, Saint-Laurent Boulevard.

Keith Haring

In Estonia, a giugno, anche quest’anno lo Stencibility porterà l’arte libera a tutti poiché, come recita uno degli articoli del suo manifesto “lo spazio pubblico appartiene a chiunque ne faccia uso“.

E ancora, a Stoccolma, si terrà lo Stockholm Street Festival. Qui verranno riuniti davvero tutti i tipi di arte di strada: da writers a giocolieri, da maghi ad artisti circensi. Il 14, 15 e 18 luglio il festival si svolgerà in tre specifici luoghi di Stoccolma per poi partire con un tour estivo attraverso la Svezia.

Tutti questi festival sono accomunati da uno spirito di condivisione. Tutti insieme contribuiscono a riqualificare non solo spazi lasciati in pasto all’erosione del tempo, ma anche a riplasmare l’idea stessa di arte. L’arte è resa più fruibile e accessibile a tutti tramite ingressi gratuiti e la creazione di luoghi di incontro da vivere oltre che da osservare, lontano da una visione elitaria e anacronistica di un’arte destinata a pochi.

Valeria Bove per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.