Breve guida per scegliere i miglior festival musicali in Europa

0 664

I festival musicali sono sicuramente un modo molto divertente per trascorrere le vacanze estive o semplicemente qualche giorno diverso dalla solita routine. Ѐ infatti arrivata l’estate e con essa i dubbi degli eterni indecisi che non sanno mai cosa fare e dove andare. Di festival musicali sparsi per l’Europa ce ne sono veramente tanti. Come scegliere?

Shopalike potrebbe venire in aiuto. Si tratta di un portale che compara i prezzi e permette di scegliere la migliore offerta. Pertanto, tutto di guadagnato se il festival si trova in una bella località per unire musica e vacanza.

Proviamo quindi a fare alcuni esempi:
– Les Vieilles Charrues a Carhaix-Plouguer in Francia. Vede nella line up nomi dal calibro molto alto come Liam Gallagher, Depeche mode, Gorillaz e Fatboy Slim. Si terrà dal 19 al 22 luglio e il biglietto costa 164 euro;
– Il celeberrimo Tomorrowland in Belgio. Si tratta di un evento pazzesco con decine di artisti importanti come Carl Cox. Avrà luogo dal 20 al 22 luglio e dal 27 al 29 dello stesso mese. Il costo del biglietto è di  281 euro. Si stima un grade afflusso di partecipanti, circa quattrocentomila.
– Sziget Festival, ha luogo in una località molto particolare e suggestiva:  l’isola di Óbudai-Sziget nel Danubio, in Ungheria. Altro evento di grande portata, si terrà dall’8 al 15 agosto. Il prezzo del biglietto è di 325 euro
– Roskilde Festival ideato nel 1971, vanta il titolo del più vecchio festival dell’Europa continentale. Si svolge a Roskilde, in Danimarca, e vede come protagonisti nomi importanti quali i Gorillaz, David Byrne e Eminem. Si terrà dal 30 giugno al 7 luglio con un costo del biglietto pari a 282 euro.
– anche a Milano, nell’Area Expo, si terrà il festival musicale I-Days, dal 21 al 24 giugno. La line up è composta da nomi celebri come i The Killers, Liam Gallagher, Richard Ashcroft, Pearl Jam, Paul Kalkbrenner, Noel Gallagher & High Flying Birds.

Una vacanza all’insegna della musica potrebbe dunque essere un’ottima alternativa alla solita (si fa per dire) acqua cristallina. Il punto di forza di questi festival è che sono distribuiti in ogni angolo di Europa, pertanto offrono la possibilità di conciliare l’esperienza del concerto alla visita di luoghi mai visitati prima. Questa estate potrebbe quindi essere il momento giusto per coniugare l’interesse culturale a quello musicale.

Inoltre, la musica è la forma artistica che più si lega ai ricordi intimi di ognuno di noi. Capita a tutti di ascoltare una canzone e ritrovarsi nelle parole del testo, o ricollegare un determinato pezzo ad un preciso momento della nostra vita. Oggi, attraverso nuovi mezzi some Spotify, si ha la possibilità di ascoltare ovunque la musica, che diventa una vera compagna di viaggio e non solo un momento di svago.

Dunque, cosa c’è di meglio di viaggiare e assistere ai festival musicali? Un insieme di culture, di emozioni che solo la musica dal vivo può dare. Impossibile non farci almeno un pensierino.

Francesco Dalla Casa per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.