L’occhio del fotografo protagonista ne “In piena luce. Nove fotografi interpretano i Musei Vaticani”

0 645

Rientra nel programma della Milano PhotoWeek2018 la mostra inaugurata il 24 maggio a Palazzo Reale dal titolo In piena luce. Nove fotografi interpretano i Musei Vaticani: si tratta di un reportage che racconta uno dei più celebri musei del mondo. Esposti troveremo ben duecento immagini facenti parte della Collezione d’Arte Contemporanea dei Musei, voluta da Papa Paolo VI, e il fine ultimo di questo progetto sarà la creazione di un fondo per la fotografia contemporanea, come ha spiegare la direttrice dei Musei Vaticani Barbara Jatta:

Il progetto, con l’obiettivo di creare una nuova collezione, rappresenta un esempio di come sia possibile trasformare un’occasione tanto delicata e composita in un momento di sperimentazione e di riflessione.

Bill Armstrong

Come suggerisce il titolo della mostra, sono nove i fotografi protagonisti di questo progetto, nove sguardi differenti su un grandioso complesso culturale oggetto di visita da migliaia di persone, ma anche di curiosità e di indagine. Bill Armstrong, Peter Bialobrzeski, Antonio Biasiucci, Alain Fleischer, Francesco Jodice, Mimmo Jodice, Rinko Kawauchi, Martin Parr e Massimo Siragusa: ciascuno si è focalizzato su un aspetto diverso, chi sull’architettura dei Musei chi sui visitatori, chi sulle opere (Armstrong per esempio si è dedicato alla Cappella Sistina mentre Mimmo Jodice alle sculture classiche) e chi ancora sull’effetto del tempo e dei visitatori sul complesso (Kawauchi), sui depositi e ciò che non si vede o più in generale al microcosmo dei Musei (Parr), “incastrati” nel piccolo stato del Vaticano.

I Musei Vaticani non sono un semplice contenitore di opere o un qualsiasi edificio adibito ad esposizione, sono a loro volta una complessa e multiforme opera d’arte, testimonianza di storia e cultura intesa come pratica sociale legata al potere ed alla religione. Qui è conservata la bellezza e il genio al servizio della gloria eterna, concetti molto lontani oggi dall’idea che si ha di potere, legato esclusivamente alla ricchezza e al controllo più che al desiderio di elevarsi anche da un punto di vista intellettuale e spirituale. I Musei Vaticani sono una piccola porta di accesso verso un mondo intricato e misterioso in cui si mescolano potere e religione, esercitando un grande fascino proprio per quell’aura di mistero che lo permeano: artisti dello scatto hanno provato a restituircelo dandocene uno sguardo personale e sicuramente diverso, dandoci la possibilità di capire davvero quanto questo luogo sia culturalmente, artisticamente e storicamente rilevante.

In piena luce. Nove fotografi interpretano i Musei Vaticani
A cura di Micol Forti e Alessandra Mauro
Palazzo Reale, Milano
Dal 24 maggio al 1° luglio 2018

Carlotta Tosoni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.