“Senza chiedere il permesso”: l’attivista curda Ezel Alcu racconta se stessa

0 1.603

Trovare il proprio posto nel mondo e rigenerare se stessi a partire dalle esperienze più scioccanti e dolorose è spesso tutto ciò che ogni uomo si ripromette di compiere per raggiungere i propri traguardi personali. Osservando le ultime novità del mondo editoriale e letterario, è così che si può riassumere la straordinaria vicenda di Ezel Alcu, giovane attivista curda e autrice del suo primo libro Senza chiedere il permesso. Il mondobastardo, edito da END Edizioni.

Occhi marroni “fiammeggianti di passione” – come li ha definiti il fumettista aretino Zerocalcare – e, come lei stessa specifica quando si presenta, “dotata di un’energia che non si esaurisce mai”, Ezel Alcu ha 28 anni e vive in Italia come rifugiata politica dal 2009. Allora aveva solo 19 anni e, dopo essere sfuggita alle persecuzioni del suo governo, una volta oltrepassato il confine, decise che le montagne valdostane sarebbero state la sua casa e il suo rifugio più sicuro. Senza chiedere il permesso è quindi l’autobiografia più eclettica e incisiva che Ezel avrebbe mai potuto scrivere per raccontare se stessa e per riportare sotto gli occhi di tutti alcune realtà spesso dimenticate. La sua è una raccolta variegata di immagini, racconti e poesie che partono dal Kurdistan fino ad arrivare a Torino e alla Val di Susa, gli ultimi scenari che hanno visto agire l’energia travolgente e ispirante dell’autrice.

È un libro in cui risuonano diverse voci, parole che sono espressione della personalità dirompente e contraddittoria dell’autrice, ma che riportano anche altre voci, quelle di luoghi lontani dove si combatte una guerra lunghissima e infinite battaglie, sanguinose e drammatiche. Ezel Alcu non racconta solo la lotto contro il genocidio perpetrato alla Turchia contro i curdi o la violenza dell’Isis, ma mette anche a nudo i suoi sentimenti più intimi, la sua struggente tenerezza verso il suo popolo, la sua famiglia e la sua casa.

È questa l’introduzione che si presenta come biglietto da visita per i lettori, oltre che come una genuina e spontanea presentazione del fumettista aretino Zerocalcare. Il suo spirito “rumoroso e appassionato” ha fatto nascere il personaggio di Kobane Callling, ovvero la più spiritosa ed incisiva rappresentazione di ciò che è davvero Ezel, in tutta la sua disarmante autenticità. Senza chiedere il permesso rivela in ognuna delle sue 124 pagine l’avvincente alternarsi di situazioni ironiche e dolorose, lontane ma straordinariamente vicine per certi tratti a quelle di chiunque si sia ritrovato sperduto nella propria vita. Le sue parole, apparentemente fredde e distaccate, sono il mezzo più efficace per narrare il suo coraggio e divulgare, con quello che lei stessa definisce “italiano al gusto curdo”, il vero messaggio posto alla base del titolo stesso. Il suo Senza chiedere il permesso è infatti la sua dichiarazione di disprezzo per l’idea di confine, di una terra che pone come principio fondante della sua identità il fatto di avere un padrone, e che, per questo, non permette ad ogni essere umano di scegliere il proprio posto.

Non devo ringraziare nessuno perché mi lasciano passare, perché questa è anche casa mia. Io non credo ai confini creati con le guerre. E non sono proprietà di nessuno. Loro crederanno sempre che mi hanno concesso il permesso di entrare. Ma la realtà è soltanto che io permetto loro di crederlo, perché i confini sono solo un’invenzione e la terra non può avere padroni. 

Ezel Alcu

A questo proposito il viaggio di Senza permesso continua con il secondo pensiero protagonista del libro. È il mondobastardo, la realtà immersa in una serie di ideologie che Ezel ha tentato di schiacciare, per dare spazio alla natura libera e agli ideali che ogni uomo rende propriSenza permesso. Il mondobastardo è il racconto più audace e significativo di un viaggio costellato di ostacoli apparentemente insormontabili, ma per cui Ezel rivela ai suoi lettori le armi più potenti che lei stessa ha impugnato, e che la vita, nei suoi momenti più bui, richiede sempre di adottare: il coraggio e l’energia più tempestiva.

Vieni.
Brucia i confini e vieni,
superando ogni divieto.
Come un uccellino ferito io gemo;
vieni a portarmi via dai fuochi e dai bombardamenti
tieni al sicuro il mio cuore.

Maddalena Baschirotto per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.