Biciclette accanto ai pasticcini: l’arte di Roberto Sironi in mostra alla Pasticceria Cucchi

0 651

Un originale connubio tra pasticcini, bignè, croissant e biciclette è ospitato dal 1° maggio al 6 agosto 2018 dalla storica Pasticceria Cucchi di Corso Genova 1 a Milano. No, non siamo impazziti ma stiamo parlando di una mostra di 19 dipinti intitolata Arte su due ruote, un tributo al giro d’Italia, firmata dal poliedrico performer milanese Roberto Sironi. Si tratta di un originale tributo al mondo del ciclismo, al Giro d’Italia e al Tour de France che si può assaporare nella celebre pasticceria milanese bevendo un caffè e assaggiando una delle varie specialità dolci o salate della casa come il famoso panettone. 

Roberto Sironi

La Pasticceria Cucchi, fondata nel 1936 da Luigi Cucchi e dalla moglie, Locale storico d’Italia dal 2002 e Bottega Storica di Milano dal 2015 non è nuova a performance artistiche o letterarie, avendo ospitato in passato intellettuali del calibro di Giuseppe Ungaretti. Persino Jovanotti ha composto il testo di una canzone seduto a uno di questi tavolini.

Roberto Sironi (Milano, 1954) è un vero e proprio uomo di spettacolo: autodidatta, è autore di canzoni, di teatro, pittore, scrittore, regista e blogger. L’artista ha iniziato scrivendo canzoni (a 7 anni la prima) ed ha al suo attivo nove albums di brani autoriali e una lunga serie di tournée musicali in Francia, Germania, Svizzera, Belgio ed Inghilterra dove ha partecipato con Ennio Morricone al Festival Only Connect al Barbican Centre di Londra.  

Dopo aver vissuto 15 anni in Francia, ora vive a Milano dove da una decina d’anni si è dedicato alla pittura con i suoi “movimenti immobili” sulla bicicletta, il mare, il cinema e persino i biglietti del tram usati…dipinti! Oltre che in Italia, ha esposto le sue opere a Parigi, Cannes, Lione, Losanna, Hong-Kong ecc. Si è avvicinato al ciclismo per motivi di salute ma è anche un podista e mentre corre o pedala…pensa e crea. Ecco come si presenta in una recente intervista e spiega il suo rapporto con le biciclette: 

Dopo aver scritto canzoni e pieces teatrali, indagato la musica e frequentato il palcoscenico, mi sono trovato nella necessità passionale e artistica di investigare la materia ed è con questo spirito che ho iniziato a dipingere…Mi piace pensare che ogni mio quadro sia un movimento immobile, una finestra aperta sul mondo da cui ci guarda. 

Da artista ho sentito il bisogno di occuparmi della bicicletta come una soluzione ecologica ma potrebbe diventare anche il prologo di una sorprendente evoluzione culturale. Un inaspettato legame tecnologico, futuristico e sentimentale tra umanesimo, meccanica e benessere. 

Insomma Roberto Sironi con il suo progetto Un artista in biciclettacultura mobile e arti sostenibili (pittura, musica, letteratura, teatro) si propone attraverso la pittura di promuovere la bicicletta come mezzo di locomozione culturale e artistica!

Roberto SironiL’esposizione Arte su due ruote riprende il nome della serie di dipinti che l’artista ha dedicato al ciclismo sportivo e amatoriale in cui protagonista assoluta è la bicicletta e rappresenta in maniera fumettistica ed umoristica una galleria di personaggi in sella in un surreale viaggio ciclo-fantartistico. I ciclisti a bordo delle loro biciclette animano con il loro “movimento immobile” variopinti paesaggi o diventano l’attrattiva di folte folle di esultanti spettatori.
Tra i lavori più interessanti in mostra Quartetto in fuga, SprintBiciclette sul mare, Dolce vita in biciclettaFuga d’artista, Abbey RoadChamps EliséesMetropoli Futuro, tutti acrilici su tela o cartoncino. Interessanti ed originali anche i listoni di parquet dipinti. Cicli sotto il sole o la pioggia, singoli o in gruppo ma tutti rigorosamente in movimento le cui pennellate creano verticalizzazioni di folle in miniatura alle quali basta una diversa nuance di colore a definire il soggetto della tela. Insomma, Sironi riesce a sintetizzare Astrattismo ed Impressionismo, il Balla di Dinamismo di un cane al guinzaglio con Boldini per la sua pennellata leggera e veloce: in due parole, fonde il movimento al cromatismo. 

Arte su due ruote, un tributo al giro d’Italia
Pasticceria Cucchi, Milano
Dal 1° maggio al 6 agosto 2018 

Denise Alberti per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.