“A Higher Loyalty” di James Comey: istruzioni per una leadership etica e seria

0 701

Uno dei libri di cui attualmente si sta parlando molto è A Higher Loyalty, la biografia di James Comey in cui vi è la ricostruzione dettagliata del tormentato rapporto con Donald TrumpL’ex direttore dell’FBI ha scoperto, in diretta TV, di essere stato licenziato dal presidente degli Stati Uniti, ufficialmente per “presunta mancanza di fedeltà”. La narrazione dei tempi e la presentazione degli aneddoti con i quali vengono raccontati gli eventi seguono un tempo cronologico sconnesso, con un filo che parte dall’infanzia per poi giungere alla vincita dell’Attorney General e infine ritrovarsi improvvisamente attoniti l’11 settembre. Si tratta di un’organizzazione casualmente non lineare o accuratamente pianificata? Il dato certo è che dalle parole dell’uomo emergono chiaramente la consapevolezza dell’importanza del proprio ruolo e il senso di lealtà e rispetto che egli nutriva nei confronti di chi gli stava intorno, inizialmente anche per Trump stesso.

James ComeyCon un occhio critico e una descrizione scrupolosa, sono descritti anche i rapporti con le più importanti cariche politiche statunitensi, incontrate durante la formazione e lo svolgimento dei diversi ruoli. Si parla dell’amministrazione di George Walker Bush come vice Attorney General e degli stretti rapporti con lo stesso Attorney General, John Ashcroft. In un queste contingenze, dichiara l’autore, un funzionario fedele riconosce che la fedeltà assoluta deve venire a mancare quando vengono messi in discussione i diritti umani: per questo motivo, è comprensibile il suo rifiuto di autorizzare per una seconda volta il programma Stellar Wind proposto dall’amministrazione reppublicana, volto a spiare i cittadini americani dopo l’11 settembre.

Ho appreso da coloro attorno a me e ho provato a insegnarlo a coloro che hanno lavorato con me che esiste una fedeltà più alta nelle nostre vite, che non è per una persona, un partito o un gruppo, ma per i nostri valori, su tutti la verità.

James Comey Vs Donald Trump

Nel libro viene anche presentato il rapporto di James Comey con il nucleo familiare, composto dalla moglie e dalle figlie, e raccontata la tragica vicenda della morte del figlio. Interessante è la descrizione di come l’uomo sia riuscito a coniugare un lavoro particolare e arduo come il suo con la presenza attiva come marito e padre nel nucleo domestico. Apparentemente un uomo perfetto, dunque, ma è lo stesso Comey a ribadire più volte nel libro di essere in realtà una persona impulsiva e quasi imbarazzata dai suoi errori. Recentemente ha infatti dichiarato che il suo atteggiamento sarebbe potuto essere in qualche maniera diverso, anche se ritiene che in quel momento fosse la cosa migliore da fare. Con queste parole fa direttamente riferimento al suo lavoro che ha sollevato lo scandalo, causa della non elezione di Hillary Clinton come presidentessa degli Stati Uniti. La leadership etica è ciò che viene richiesto a qualsiasi alto funzionario, ma soprattutto si domanda Comey nelle prime righe del suo libro, «l’etica deve essere in contrasto coi valori di una persona?». Se Machiavelli non aveva dubbi nel ritenere l’amoralità del principe una caratteristica essenziale quando si governa un paese, Comey è di parere opposto: secondo lui, in qualsiasi circostanza, anche la più difficile, i principi personali e la moralità non devono mai venire meno. 

Andrea Di Carlo per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.