Giornata Mondiale del Libro: un sogno chiamato letteratura

0 3.923

Come ogni anno dal 1996 a questa parte, il 23 aprile è dedicato alla Giornata Mondiale del Libro e del diritto d’autore. Tappa fissa ed imperdibile per tutti gli amanti della lettura che potranno beneficiare di sconti e partecipare ad iniziative speciali e manifestazioni presenti sia a livello nazionale che internazionale.

L’iniziativa, patrocinata dall’UNESCO, ha lo scopo di promuovere la lettura, le attività editoriali e la protezione della proprietà intellettuale attraverso il copyright. Vede la sua nascita in Catalogna dove, per il volere dello scrittore Vincent Clavel Andrès e grazie a Re Alfonso XIII, venne istituita nel 1926 la Giornata del libro spagnolo. Divenne festa internazionale a partire dal 1996 per volere, appunto, dell’UNESCO. Pare che la data del 23 aprile sia stata scelta in quanto proprio in quel giorno nell’anno 1616 morirono tre grandi della letteratura: Miguel de Cervantes, William Shakespeare e Inca Garcilaso de la Vega.

Come ogni iniziativa culturale che si rispetti, anche la Giornata Mondiale del Libro ha ogni anno, dal 2001, una sua Capitale mondiale, carica che per il 2018 spetta ad Atene (nel 2006 era toccata a Torino). Come si diventa capitale mondiale del libro? Semplice, sulla base della qualità delle iniziative organizzate a sostegno e promozione dei libri e della lettura e dall’impatto che queste hanno sulla popolazione, in particolare i giovani, e il mondo editoriale.

L’intento principale della Giornata Mondiale del Libro è far avvicinare sempre più persone alla lettura, sia in forma di carta stampata che in formato digitale, per essere sempre al passo con i tempi.

Sembra quasi che nella società odierna non ci sia più tempo per fermarsi e leggere un buon libro; si è sempre di corsa divisi tra casa e lavoro e la lettura è una cosa in più, non necessaria, un passatempo passato di moda. Ci si dimentica che non solo la diffusione della lettura è fondamentale per migliorare il livello culturale su scala globale, ma è il modo migliore per evadere dalla routine quotidiana, un libro permette di esplorare mondi ed epoche lontane e arricchisce la personalità.

Sembra che con solo 6 minuti di lettura al giorno lo stress si riduca del 60%.

Un libro è uno strumento educativo, favorisce il progresso sociale ed è fondamentale oggi come lo era ieri. La lettura può essere d’aiuto per affrontare le incertezze della vita moderna, legate anche alla globalizzazione e alla sempre più crescente paura del diverso. Leggere allarga gli orizzonti e arricchisce l’anima: un libro permette di conoscere culture diverse, aumentando la consapevolezza di quanto il mondo sia poliedrico.

La Giornata Mondiale del Libro è inoltre un pretesto per mettere in contatto chi i libri li scrive, gli autori, con chi i libri li legge, i lettori, grazie a conferenze e spettacoli. Il lettore è fondamentale, senza di lui lo scrittore non avrebbe motivo di esistere. Fondamentale è l’appoggio di istituzioni culturali come enti pubblici e privati, librerie, biblioteche, scuole e social media che si mobilitano in tutto il mondo in occasione di questa giornata particolare.

In Italia le iniziative non sono poche: alla Torino che legge (16-23 aprile) per tre giorni si potranno trovare libri e autori nelle piazze, nei mercati e nei tram di tutta la città; non mancano iniziative di book sharing, dove i lettori potranno leggere, consigliare e scambiare libri, flash mob e sempre presenti anche i social network, con la campagna #LibriDiSogni in cui ognuno potrà condividere il proprio libro preferito.

Per spingere sempre più persone ad acquistare libri e avvicinarsi alla lettura si sono mossi con iniziative e promozioni anche dei siti online e colossi del commercio come Amazon che propone un’offerta imperdibile: si potrà acquistare il Kindle Paper White (un ebook top di gamma) con uno sconto di 30 euro. Chi invece vuole farsi una scorpacciata di libri può approfittare delle spedizioni gratis sul sito ilmiolibro.it.

Un’altra iniziativa nazionale interessante che non a caso inizia il 23 aprile e si protrae per tutto il mese di maggio è il Maggio dei Libri (promossa dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo), volta alla valorizzazione della lettura come elemento di crescita personale.

Nessun luogo è estraneo alla lettura, quindi non ci sono scuse per non leggere.

Maria Cristina Merlo per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.