“Leonardo3 – Il mondo di Leonardo” in mostra per tutto il 2018 tra scoperte ed anteprime

0 1.965

Leonardo3Cinque anni fa, il 1° marzo 2013, è iniziata l’avventura della mostra Leonardo3 – Il mondo di Leonardo in Piazza della Scala a Milano (ingresso Galleria Vittorio Emanuele II) ed oggi l’esperienza continua fino a dicembre 2018, rinnovando come ogni anno i propri contenuti. La mostra è ospitata nelle cosiddette Sale del Re, prestigiosi ambienti che il re Vittorio Emanuele II fece edificare nel 1865 per ospitare incontri pubblici e privati, feste e balli nella Galleria a lui dedicata. Luogo ideale dunque per una mostra sul Maestro, dal momento che l’entrata si affaccia direttamente proprio sul monumento a Leonardo da Vinci in piazza della Scala.

Nella conferenza stampa di presentazione, l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno non ha fatto mancare l’appoggio della giunta e dell’assessorato nei confronti dell’innovativa proposta culturale patrocinata dal Comune di Milano. La conferenza stampa è stata anche occasione per ripercorrere i traguardi raggiunti dalla mostra e a tale proposito Massimiliano Lisapresidente di Leonardo3, ha dichiarato:

Siamo felici di poter celebrare il nostro quinto anniversario. Lo facciamo forti di risultati di pubblico di tutto rispetto: un totale di oltre 700 mila biglietti staccati! Nel 2017 gli ingressi sono stati 150 mila, con un picco di 3118 visitatori in un solo giorno.  

Grazie ai visitatori in crescita (10% nel 2017 rispetto all’anno precedente) ed ai riconoscimenti ottenuti, l’esposizione, continua Lisa, ora aspira a diventare permanente, un museo vero e proprio dedicato al grande genio ed alle sue scoperte.

Leonardo3Negli ultimi decenni sono state presentate innumerevoli mostre su Leonardo da Vinci, ma nessuna così innovativa «perché essa rappresenta un appuntamento importante per famiglie, studenti, turisti e per chiunque sia interessato a scoprirlo con modalità e soggetti mai visti prima». Codici, macchine, dipinti e disegni (oltre 200 modelli fisici e ricostruzioni) sono i veri protagonisti di un’esposizione all’avanguardia perché interattiva in 3D e multidisciplinare. La mostra infatti presenta il frutto di anni di ricerche dei due curatori Mario Taddei ed Edoardo Zanon e intende sottolineare proprio il lavoro di Leonardo come ingegnere, oltre che artista facendo comprendere i suoi diari, i progetti, gli studi per le macchine e le sue metodologie. Macchine e modelli suggestivi sono stati realizzati dunque nel rispetto dei suoi più importanti manoscritti, dal Codice Madrid 2 al Codice del Volo al Codice Atlantico, tutti consultabili digitalmente in sede.

Ai contenuti della mostra preesistenti, l’Aquila meccanica, il Sottomarino, la Balestra veloce, la Macchina del tempo, il restauro digitale dell’Ultima Cenecc. si affiancano le novità esposte dal 1° marzo Si potranno ammirare i modelli fisici delle varie fasi della fusione del Monumento equestre a Francesco Sforza, le quattro Teste grottesche che interagiscono con i visitatori, il modello della Mitragliatrice rotosferica, la ricostruzione dell’Ocelo da comedia (un giocattolo teatrale teleguidato) e il modello perfettamente funzionante della Tromba gigante. A proposito di questi modelli, Mario Taddei ha dichiarato:

Per la prima volta, con l’ausilio di strumenti multimediali all’avanguardia è possibile scoprire il diario di Leonardo nel quale svela uno dei suoi studi più complessi ed uno dei suoi più cocenti fallimenti: il progetto del maestoso Cavallo per il Monumento Sforza. Nella nuova galleria dedicata si possono vedere una serie di macchine che illustrano le fasi fusorie del monumentale Cavallo, scoprendone i segreti e le tecniche, e ammirare per la prima volta la ricostruzione completa.  

Leonardo3Invece a proposito della Mitragliatrice, Taddei ha affermato: «La Mitragliatrice Rotosferica è rimasta nascosta in un manoscritto per Cinquecento anni, oggi è stata ricostruita e rappresenta uno strumento sorprendentemente moderno e tecnologicamente avanzato».

L’esperienza interattiva dedicata alle Teste grottesche, il modello dell’Ocelo da comedia e della Tromba gigante – che è stata suonata in anteprima nel corso della conferenza stampa – sono invece le novità curate da Edoardo Zanon. Per i più piccoli in particolare è presente il Ponte Autoportante con sezione didattica dedicata a bambini e ragazzi e molte altre postazioni multimediali appositamente create per loro. Una vera e propria esperienza di edutainment (intrattenimento educativo) per tutte le età!

Infine due parole sul centro studi Leonardo3: si tratta di una casa editrice e media company, ma soprattutto centro di ricerca e studio dell’opera del grande Maestro che ha lo scopo di renderlo fruibile al grande pubblico grazie alle metodologie e tecnologie all’avanguardia adottate. Come scriveva nel 2007 sul Corriere della Sera lo storico dell’arte e grande studioso di Leonardo Carlo Pedretti:

Quando c’è da interagire si entusiasmano tutti e questo lavoro è molto rigoroso. Il computer è uno strumento indispensabile. A Leonardo3 devono avere coraggio e andare avanti. Nella città in cui Leonardo visse dal 1482 al 1500 servirebbe un progetto sistematico sull’artista e lo scienziato. Una permanente… 

Leonardo3 – Il Mondo di Leonardo
A cura di Mario Taddei ed Edoardo Zanon
Piazza della Scala, Ingresso Galleria Vittorio Emanuele II – Milano
Dal 1° marzo 2013 al 31 dicembre 2018

Denise Alberti per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.