Visioni d’Arte 2018: il programma della settima edizione

0 1.122

Visioni d'Arte

È in arrivo a Milano la settima edizione della rassegna Visioni d’Arte: si svolgerà dal 18 febbraio all’11 marzo 2018, nel corso di quattro domeniche promosse dall’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso in collaborazione con il Mudec e il patrocinio del Municipio 6 del Comune, Durante le quattro giornate – a ingresso libero presso l’Auditorium del Mudec dalle ore 16.30 – verrà offerta la visione di 18 speciali documentari cinematografici sull’arte dal 1950 a oggi legati al tema Italia ‘900, che vanno a inserirsi all’interno del programma di eventi proposto dal Comune di Milano sul Novecento Italiano.

Visioni d’Arte è una manifestazione promossa dal 2012 dall’Associazione Culturale Silvia Dell’Orso, un ente non profit che pone al centro della sua missione il tema della corretta divulgazione come mezzo per cercare di sensibilizzare la comunità nei confronti del proprio patrimonio culturale. La rassegna nasce con l’intento di mostrare il rapporto che, nel corso del Novecento, si è venuto a creare tra arte e cinema, offrendo allo stesso tempo esempi di grande qualità divulgativa riguardo al mondo dei beni culturali. I protagonisti dell’arte contemporanea, infatti, hanno fatto uso sempre più frequente dell’arte cinematografica per presentarsi, raccontarsi ed entrare in contatto con il grande pubblico, lasciando testimonianze di altissimo livello qualitativo, spesso contraddistinte da quell’unicità che solamente chi proviene dall’interno del  mondo dell’arte sa conferire a un’opera.

La rassegna di quest’anno si aprirà domenica 18 febbraio, con una giornata dedicata ad alcune delle più celebri personalità del futurismo italiano. Verranno qui mostrate le esperienze di artisti come Giacomo Balla, Carlo Carrà, Umberto Boccioni e Gino Severini, con un’inedita conclusione: il documentario Arte Italiana 1910-1950 di un giovane Folco Quilici che presenta una personalissima interpretazione del panorama artistico di quegli anni. Segue poi, sull’onda delle avanguardie, la giornata dedicata alla Metafisica: il 25 febbraio ci racconterà infatti di personaggi come Giorgio de Chirico, Giorgio Morandi e del Carrà del Ritorno all’Ordine. I documentari proposti durante questa domenica inviteranno il pubblico ad intraprendere un viaggio oltre il tempo nella riscoperta della forma, da Valori Plastici al Realismo Magico. Il 4 marzo è invece interamente dedicato all’architettura italiana tra le due guerre. Un cemento molto armato è l’azzeccatissimo titolo della giornata che vede protagonista quella generazione di modernisti italiani che traggono ispirazione dai maestri del razionalismo come Walter Gropius e Le Corbusier. Verrà qui messo in risalto anche lo scenario di quel design tutto italiano che ha contribuito a renderci celebri nel mondo: in primo piano, le figure di Giò Ponti e dei fratelli Castiglioni, questi ultimi raccontati dal geniale ed eclettico Bruno Munari.

de Chirico

Visioni d’Arte si concluderà domenica 11 marzo con una giornata interamente dedicata alle eterogenee esperienze degli artisti del secondo dopoguerra. Verrà qui presentata l’essenzialità plastica e quasi primitiva di Arturo Martini e gli antichi echi dell’opera di Manzù. Saranno poi approfondite le personalità ribelli di Renato Guttuso e Carlo Levi, per giungere al segno sintetico di Capogrossi, al Nuovo Realismo di Mimmo Rotella e concludendo, negli anni Sessanta, con la Pop Art di Schifano.

Visioni d’Arte, con oltre sei ore di proiezioni, offre una variegata e ricca panoramica di un secolo che, con i suoi stravolgimenti e le sue innovazioni, ha lasciato una traccia indelebile nell’immenso universo della storia dell’arte.

Visioni d’Arte 2018
Mudec, Milano
Dal 18 febbraio 2018 al 11 marzo 2018

Beatrice Obertini per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.