SetUp Contemporary Art Fair: l’arte contemporanea cresce a Bologna

0 1.328

SetUp Contemporary Art FairArt grows here: con questo slogan si aprirà il 1° febbraio la VI edizione di SetUp Contemporary Art Fair, fiera di arte contemporanea che da anni accoglie a Bologna artisti e curatori da tutto il mondo. Una fiera ideata da giovani, le vulcaniche Simona Gavioli e Alice Zannoni, per i giovani: le opere esposte e gli allestimenti sono affidati esclusivamente ad artisti ed esperti al di sotto dei 35 anni d’età, con lo scopo di dare visibilità ai nuovi talenti dell’arte. Al miglior testo curatoriale e all’opera d’arte più apprezzata è inoltre destinato il Premio SetUp, la cui proclamazione avverrà venerdì 2 febbraio,un premio in denaro istituito per dare un incentivo concreto ai talenti e ribadire la necessità del legame tra economia e cultura.

SetUp Contemporary Art Fair
Palazzo Pallavicini

Quest’anno la fiera cambia “casa”: dall’autostazione, frenetico luogo di transizione, si trasferisce nella dimora storica di Palazzo Pallavicini, meraviglioso palazzo rinascimentale che ha visto aggirarsi tra le sue sale affrescate da Burrini la principessa Maria Carolina D’Asburgo e l’imperatore d’Austria Giuseppe II e la cui “Sala della musica” il 26 marzo 1770 risuonò della musica di un giovanissimo Wolfgang Amadeus Mozart . Il Palazzo vede così rinnovata la sua importanza come “luogo di cultura internazionale”, accogliendo 39 espositori, di cui 34 gallerie d’arte e 7 fra case editrici e fondazioni provenienti da tutto il mondo.

Una cornice maestosa che creerà una nuova armonia con l’avanguardia delle opere esposte, un legame solido tra passato, presente e futuro nel segno della bellezza. Il fil rouge di questa edizione è il tema dell’ Attesa, intesa come tensione continua verso il futuro e come forza propulsiva per creare i presupposti del divenire. Tutto ciò in un palazzo che ha atteso per anni di riaprire al pubblico per mostrare le sue bellezze. Il profondo legame tra l’anima di questa edizione di SetUp Contemporary Art Fair e la sua nuova location emerge ad esempio nell’ installazione sonora Mouvement (2018) , una rielaborazione del minuetto k94, eseguito da W. A. Mozart il 26 marzo 1770 a Palazzo Pallavicini.

SetUp Contemporary Art FairIl tema dell’attesa è ripreso per opposizione dalla curatrice Manuela Valentini che, con la sua mostra diffusa BREAK! rompe i tradizionali canoni espositivi per garantire ai visitatori un’esperienza continua tra i padiglioni di SetUp. Per Manuela l’artista non può trattenersi dal dare voce alla propria ispirazione, così come il visitatore non può non venirne travolto. Un altro momento di coinvolgimento intellettuale e fisico degli spettatori sarà la performance DAS FEST di Hannes Egger, un lavoro site-specific pensato per far interagire i visitatori con gli ambienti di Palazzo Pallavicini.

Queste sono solo alcune delle sorprese che la nuova edizione di SetUp Contemporary Art Fair ha in serbo per il suo pubblico. Immutato tuttavia rimane lo spirito che accompagna questo evento dalla sua fondazione: offrire nuovi orizzonti a giovani artisti e curatori, creare uno spazio di partecipazione artistica e di freschezza nel mondo del mercato culturale. 

SetUp Contemporary Art Fair
Palazzo Pallavicini, Bologna
dal 1° al 4 febbraio 2018

Chiara Di Giambattista per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.