Il “Novecento italiano” a Milano: la Cultura che ci parla

0 1.597
Museo del Novecento

Ancora una volta Milano ci parla di Cultura, facendoci apprezzare il mondo dell’arte in questo 2018 cominciato da poco. Il capoluogo lombardo non casualmente è tra le mete più gettonate d’Italia dal punto di vista culturale, per il ventaglio di iniziative, mostre, musei e festival che perennemente offre, spaziando dal teatro al cinema, dalla letteratura alle arti pittoriche, dalla musica alla fotografia. Pare che a Milano non ci si possa annoiare, insomma, sia nei giorni feriali sia nei giorni festivi, quando la frenesia quotidiana si allenta un po’ e può far bene condire la propria giornata con un tocco di curiosità e arte in più. Novecento italiano è l’evento che a Milano sintetizza tutto ciò (qui il programma), questa vasta concezione della Cultura, che rende viva la città come ogni manifestazione di ampio respiro è capace a dare. Tuttavia, con il termine evento non si indica una singolarità, ma una serie di iniziative culturali in programma nel corso dell’anno che omaggino infatti gli avvenimenti e i costumi del secolo scorso.

L’ambizione c’è, dopo tutto è innegabile quanto il Novecento sia stato denso come periodo storico, quanto abbia rappresentato a livello politico, economico e socio-culturale nei molteplici aspetti riguardanti il nostro paese e il mondo intero, con tutti i mutamenti che ha comportato. Lo stesso assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, ha caldamente invitato le istituzioni artistiche e le associazioni culturali a partecipare al progetto, cosicché finalmente si verifichi una sinergia tra diverse entità e si mostri il valore che effettivamente deriva dall’unione, avendo il medesimo obiettivo. Inoltre, va specificata una menzione particolare per la città di Cremona, che nel panorama del Novecento italiano collabora con Milano proponendo una sinergia culturale.

Innanzitutto, anniversario storico che non si può dimenticare – così come lo scorso 2017 si è ricordati della Riforma protestante di Lutero sorta nel 1917 – è il termine della Prima Guerra Mondiale, la cosiddetta Grande Guerra del ’15-18, che ha coinvolto principalmente l’Europa. In Italia, in particolar modo, un avvenimento, o meglio un fallimento, non venne mai tralasciato: la disfatta di Caporetto del 1917, che (sebbene precisamente dell’anno scorso) nel caso del Novecento italiano verrà commemorata dall’Archivio di Stato di Milano con la lettura di un diario militare dell’epoca. Un’altra pagina della Storia che ha sempre suscitato interesse, curiosità e polemiche è il Sessantotto: anniversario in questo 2018, per così dire, di nozze d’oro. Il fenomeno della contestazione giovanile, la cultura della trasgressione, del rinnovamento contro precedenti ideologie conservatrici hanno dato modo al Sessantotto di far sentire la sua voce a livello nazionale come internazionale, attraverso musica, letteratura, cinema. La Biblioteca Sormani e la Fondazione Giangiacomo Feltrinelli si occuperanno di questo approfondimento.

Passando al teatro, ad esempio, sono tre i testi del secolo scorso della nostra tradizione messi in scena rispettivamente al Piccolo Teatro Grassi, al Teatro Franco Parenti, al Teatro Out Off: Il sindaco di Rione Sanità, Le Sorelle Materassi, L’angelo dell’informazione. Tuttavia, la riflessione del teatro si amplia: con uno sguardo alla letteratura, troviamo racconti a teatro su Primo Levi con Se questo è un uomo, su Dino Buzzati, su Mario Carrara, la cui figura è meno immediata ma non per questo meno rilevante, infatti fu promotore della medicina legale in Italia e rifiutò di giurare fedeltà al regime fascista. Passando, invece, alle sfere d’interesse della moda e del design, non si possono non citare il Museo del Novecento e La Triennale per la consueta ricerca ed esposizione di forme espressive e visionarie, che riguardano anche la cultura visuale del Novecento. Infine, la moda che ha rappresentato l’Italia a livello mondiale nel secolo scorso, dove Milano è stata protagonista grazie alla sua originalità e alla sua autenticità: l’Associazione Camera della Moda, attiva dal 1958, omaggia con una mostra a Palazzo Reale la moda del Bel Paese nel periodo che va dal 1971 a fine secolo, mentre Palazzo Morando – Costume, Moda, Immagine promuove la mostra Outfit ‘900 – Abiti per le grandi occasioni nella moda di Palazzo Morando.

Palazzo Reale

Menzionare ciascuna delle iniziative artistiche del catalogo Novecento Italiano è impossibile, perché certamente sta ai gusti e alle predisposizioni di ognuno scegliere cosa visitare, su cosa soffermarsi nella città di Milano. E questa volta non ci sono eccezioni per nessuno: il capoluogo lombardo ci offre di nuovo l’occasione per rincorrere e apprezzare immagini e scorci del passato, che in qualche modo ci torneranno utili e attuali per riflettere sul nostro presente.

Francesca Bertuglia per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.