“Ettore Sottsass. Oltre il design”: una mostra che celebra l’ecletticità del grande Maestro italiano

0 2.097

Ettore Sottsass. Oltre il design è la mostra voluta nel centenario della nascita dell’autore ed in programma fino al 20 maggio 2018 presso l’Abbazia di Valserena a Parma, Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma (CSAC). L’esposizione è costituita da 700 pezzi selezionati all’interno dell’archivio, donati nel 1979 da Ettore Sottsass al CSAC. Si tratta di materiali progettuali (schizzi, bozzetti e disegni) e sculture allestiti secondo una struttura narrativa cronologica che supera la specificità dell’attività di designer dell’autore e si allarga ad una visione in cui protagonista non è il prodotto finito ma il disegno progettuale e riflessivo.

Ettore Sottsass (Innsbruck, 1917 – Milano, 2007) non aveva una metodologia, uno stilema per la rappresentazione, si serviva dei meccanismi mentali dell’infanzia e comunicava attraverso una percezione sensoriale non razionale o intellettuale. Rovesciando il senso della didattica, disegnava per gli adulti cose che li riconducevano alla sensitività di quando erano bambini, alla percezione del bagnato, del grande, del pesante, del colorato. Egli partiva sempre da terra, dall’esperienza, dall’uomo e non da un pensiero astratto: anche quando sembrava che partisse da un pensiero o da un’idea, perché era un artista colto che amava riflettere, in realtà quel pensiero nasceva intorno alle persone e alle cose, non era derivato per astrazione da una teoria.
Per questo è stato un fondatore di correnti ma senza volerlo; non era un designer d’avanguardia, piuttosto un solitario che si allontanava dalla fama e dal successo ogni volta che li raggiungeva per dedicarsi a progetti sempre nuovi e diversi.

Ettore SottsassSottsass prima di essere designer è stato architetto, come suo padre, conseguendo la laurea al Politecnico di Torino nel 1939. La prima sezione della mostra è dedicata proprio a quegli anni, gli anni dell’università in cui si esercitava nel disegno di modelli di architetture e nella pittura prendendo a riferimento il cubismo; successivamente, dopo l’incontro con Spazzapan, la sua pittura si fece più astratta-espressiva ed i suoi progetti per l’arredo di interni vennero spesso rifiutati perché non erano apprezzati, erano troppo innovativi.
Proseguendo lungo la navata dell’Abbazia, si giunge alla sezione dedicata alla progettazione grafica e alle collaborazioni con Einaudi ed Eclettica Edizioni per passare successivamente alla scultura e all’interesse dell’autore per la tridimensionalità. Sottsass è stato anche fotografo ed in mostra sono esposti i suoi primi esperimenti, le sue prime fotografie alle architetture e alle sculture in cui la luce acquisisce un’importanza fondamentale. Erano gli anni in cui la sua attenzione era rivolta al Bauhaus e al movimento moderno.

Ettore SottsassCome emerge dalla mostra, Ettore Sottsass è stato un uomo eclettico e curioso, un instancabile ricercatore: dalla fotografia si passa agli interni e alla progettazione della casa, in cui è l’elemento modulare a creare lo spazio abitativo, fino ai bozzetti per le ceramiche e al suo interesse per l’interazione uomo-macchina con la conseguente collaborazione con l’Olivetti. Il timore di restare inchiodato ad un’immagine, ad un simbolo, gli procurava un forte senso di claustrofobia creativa; non era il successo a stargli a cuore ma la possibilità di fare, di lavorare all’elaborazione di nuove possibilità espressive attraverso le mutazioni del linguaggio. È questo il motivo delle sue continue e diverse collaborazioni (Croff Casa, Alchymia per citarne alcune) e dei numerosi viaggi, funzionali per rompere schemi e routine.

Ettore Sottsass. Oltre il design riesce a dare un quadro preciso della complessa personalità del Fondatore del gruppo Memphis regalando al pubblico la possibilità di vedere bozzetti e disegni preziosi pieni di appunti e note dell’autore, interessandolo al punto di indurlo a voler leggere di lui.

Ettore Sottsass. Oltre il design
CSAC – Centro Studi e Archivio della Comunicazione, Abbazia di Valserena, Parma
Dal 18 novembre 2017 al 20 maggio 2018

Fiammetta Pisani per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.