gioco

Il gioco in una mostra alla Fondazione Benetton di Treviso

Il Vero Giuoco della Barca, Xilografia colorata, secolo XIX. Collezione Alberto Milano

Lo storico palazzo Bomben di Treviso, sede della Fondazione Benetton Studi Ricerche, da venerdì 17 novembre a domenica 14 gennaio 2018 ospita la mostra Lotterie, lotto, slot machines. L’azzardo del sorteggio: storia dei giochi di fortuna. Curata dallo storico e docente dell’Università Ca’ Foscari di Venezia Gherardo Ortalli, l’esposizione approfondisce storicamente il fenomeno del gioco, mostrandone l’importanza e il ruolo che esso assume nella vita delle persone e delle società.

«Il gioco è bello se dura poco» recita il famoso proverbio… Eppure la Fondazione Benetton del gioco se ne occupa da ben trent’anni e cioè dal 1987, anno in cui ha avviato con sistematicità diverse attività di ricerca e di studio su questa tematica poco considerata e apparentemente di scarso rilievo culturale. L’assegnazione di borse di studio sull’argomento, la pubblicazione della rivista Ludica. Annali di storia e civiltà del gioco, la collaborazione di autorevoli studiosi di ogni parte del mondo, la dice lunga sull’impegno profuso dalla Fondazione per sostenere la serietà del gioco e l’importanza di questo aspetto che da sempre ha caratterizzato molte comunità.

Il giocare è una necessità innata e fondamentale del vivere, come del resto dimostra la spontaneità del gioco e il suo ruolo formativo fin dalla prima infanzia. 

Ortalli

A testimoniare la naturale propensione dell’uomo verso il gioco d’azzardo ci sono antichi manoscritti e reperti archeologici che ci informano come prima in Cina, poi in Egitto, in Grecia e nell’antica Roma, il gioco ha da sempre rappresentato un aspetto fondamentale della quotidianità delle diverse società.

Eugenio Bosa, L’estrazione del lotto in Piazzetta San Marco, 1845-1847

Questo grande mondo sconosciuto è l’oggetto di una mostra che sarà certamente ricca di stimoli e suggestioni e che vuole presentare in modo semplice e accattivante la complessità di un fenomeno sempre di straordinario rilievo nelle società, oggi alimentato dalle lotterie istantanee a quelle via internet, dal “gratta e vinci” alla roulette televisiva.

La mostra rientra nelle attività organizzate in occasione del trentesimo anniversario della Fondazione e sarà anticipata da due giorni di studio all’interno del convegno intitolato Giocare tra medioevo ed età moderna. Modelli etici ed estetici per l’Europa  che si terrà venerdì 17 e sabato 18 novembre.

Treviso si conferma ancora una volta una città attiva e in continua evoluzione, una città curiosa, che si mette in gioco programmando argomenti di studio di altissimo livello, interessanti e poco conosciuti. Dai Musei Civici di Treviso proviene la grandiosa opera di Eugenio Bosa Estrazione del gioco del lotto in piazza San Marco; grazie alla collaborazione con il Polo Museale del Veneto Museo Nazionale Collezione Salce saranno inoltre esposti alcuni manifesti pubblicitari di inizio Novecento.

Antica tombola d’azzardo olandese. Collezione Manfred Zollinger

In questo caso il percorso si snoda attraverso una serie di stampe, documenti, tavole da gioco ed altri reperti che dimostreranno come anche a livello politico e sociale le autorità si siano occupate del regolamento del gioco d’azzardo.

Per impedire i disastri che all’azzardo si accompagnano prestissimo ci si rende conto che la pulsione al giocare dell’uomo è ineliminabile e non la si può proibire, la si può solo contenere. Così inventano i luoghi dove ciò che è vietato, che non puoi fare assolutamente, invece lo puoi fare. E sono sempre i luoghi più centrali della città, di giorno, alla luce del sole.

Ad esempio le colonne di San Marco e San Tòdaro, in piazza San Marco a Venezia sono state scelte come l’unico luogo nel quale era consentito il gioco d’azzardo, in modo tale da poter essere controllato. E a proposito di scaramanzia, venerdì 17 novembre la Fondazione Benetton ha deciso di inaugurare l’esposizione, condividendo insieme a noi il risultato di anni di ricerca e di studi sul gioco.

Lotterie, lotto, slot machines. L’azzardo del sorteggio: storia dei giochi di fortuna
A cura di Gherardo Ortalli
Fondazione Benetton Studi Ricerche, Treviso
Dal 17 novembre al 14 gennaio 2018

Marta Previti per MIfacciodiCultura

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
By on dicembre 7th, 2017 in Articoli Recenti, Mostre, Visual & Performing ARTs

RELATED ARTICLES

Leave Comments

5 × quattro =

Su Facebook

Su Instagram

Su Twitter