Un momento di chiarezza

Un momento di chiarezza di Silvia Trevisone: una storia di rinascita

Un momento di chiarezza è il libro che sancisce il debutto letterario di Silvia Trevisone, giovane scrittrice milanese. Protagonista del libro è l’imperfetta Daisy, una donna che ha deciso di eliminare dalla sua vita sentimenti e rapporti sociali in un’auto-esclusione dal mondo in bilico tra cinismo e difesa. La sua vita cambia grazie ad un incontro inaspettato che metterà in crisi tutto il suo microcosmo basato su certezze solitarie.

Silvia Trevisone

A chi non è mai stata cambiata la vita da un incontro fortuito? Chi non ha passato momenti di crisi profonda e di amarezza? Chiunque ha vissuto momento difficili, fasi della vita tanto dure da invogliarci a chiuderci in noi stessi, tagliare i ponti con chiunque ed autoimporci una sorta di vita da eremita alla ricerca di un equilibrio interiore lontano dalla sofferenza, quella sofferenza che spesso ci provocano gli altri esseri umani. Ecco perché Un momento di chiarezza è un libro universale, perché racconta la storia di tutti: magari il nostro vissuto è meno drammatico oppure lo è di più, magari siamo stati meno duri con gli altri o noi stessi, o invece siamo stati ancora più spietati, ma certo è che tutti siamo vittime e carnefici, spesso in balia di dubbi o estreme certezze che crollano con facilità inaspettata.

Ogni esistenza è dettata dalle scelte che facciamo e solo quando consapevolmente scegliamo di armaci di coraggio ed affrontare le difficoltà possiamo dire di vivere e non sopravvivere: ecco il messaggio che vuole trasmetterci Silvia Trevisone.

Ma oltre al contenuto, questo libro è interessante anche per la forma con cui sta venendo promosso: sul sito Bookabook è in corso una campagna di crowdfunding affinché il libro possa essere pubblicato sia in formato cartaceo che digitale, quindi promosso grazie ad un ufficio stampa che lo diffonderà sulla stampa, anche in questo caso sia cartacea che digitale. Il primo obiettivo è stato raggiungo grazie alla vendita di centocinquanta copie del libro, che quindi adesso passerà ad una fase di editing professionale, mentre il secondo obiettivo, ovvero quello legato alla promozione, sarà raggiungo con la vendita di 350 copie del libro: vi invitiamo a sostenere Silvia cliccando qui.

Per saperne di più su questo progetto letterario, abbiamo fatto qualche domanda all’autrice, che presenterà Un momento di chiarezza presso lo showroom culturale Let’s Feel Good di Milano sabato 28 ottobre.

Partiamo dal titolo Un momento di chiarezza: protagonista del tuo libro è la crisi come momento di consapevolezza e rinascita?

Entrambe le cose. Penso che la rinascita passi attraverso la consapevolezza delle proprie scelte e dei propri sbagli.
Daisy, la protagonista, fa un percorso che la porta a vedere le cose in modo diverso, ad accettare quello che non è più possibile cambiare ma anche a vivere un dolore che, per troppo tempo, ha evitato.

Questo libro è dedicato a tutti coloro che si sentono persi ed esclusi? C’è qualcosa di personale o hai semplicemente raccontato una storia?

La storia è inventata ma le sensazioni, i momenti di smarrimento ed alcuni episodi minori, fanno parte della mia vita, del mio percorso. Penso, in realtà, che facciano parte del percorso di molti, perché ognuno di noi vive situazioni come queste o molto simili.
Per ovvie ragioni, bisognava dare un impianto narrativo a e contestualizzare il tutto con una trama che potesse appassionare il lettore; così nasce la storia di Daisy e della sua rinascita.

Con il web ed il crowdfunding il mondo dell’editoria è divenuto più democratico oppure troppo libero?

La libertà del web: qui potremmo aprire una conversazione infinita. Ci tengo a sottolineare che il mio progetto è diverso da un’autopubblicazione. Detto chiaramente: io non ho preso il mio libro, l’ho impaginato e poi ho cominciato a venderlo su Amazon. C’è una casa editrice dietro che ha selezionato il libro, ha creato e sostenuto una campagna dove si pre-ordinavano una o più copia, in cartaceo o in e-book. Ora che ho raggiunto il primo goal delle 150 copie, il romanzo passerà all’editing e alla parte grafica, come qualsiasi libro acquistato da una casa editrice tradizionale.
Sono certa che il fatto che ognuno possa pubblicare il proprio libro sul web non possa essere una cosa negativa ma, vi posso assicurare che, trovare un libro che non è stato in alcun modo pubblicizzato (se non tra i conoscenti) nell’enorme quantità disponibile sul web, è veramente difficile. Io ho preferito avere una casa editrice dietro, ho puntato su un progetto editoriale nuovo ma che mi permettesse, ad un certo punto, di appoggiarmi a dei professionisti e ai loro canali di promozione e distribuzione.
Inoltre, mi permetto di dire che la maggior parte degli esordienti ha bisogno del confronto con uno o più editor per poter pubblicare un buon romanzo d’esordio, soprattutto per la narrativa. Non perché non siano bravi ma perché verso il proprio libro non si è mai completamente obbiettivi. L’opinione di un professionista è sempre preferibile.

Perché dovremmo leggere Un momento di chiarezza?

Perché è bello. No scherzo, ovviamente è bello perché è come la vita: drammatico ed ironico. Una bilancia imperfetta, che ogni tanto pende da un lato e ogni tanto dall’altro ma che vale la pena di vedere cosa c’è scritto nella pagina successiva.

Carlotta Tosoni per MIfacciodiCultura

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
By on ottobre 25th, 2017 in Articoli Recenti, BOOK Crossing, Carlotta Tosoni, Interviews

RELATED ARTICLES

Leave Comments

13 − cinque =

Su Facebook

Su Instagram

Su Twitter