Studio Futurista Artè: il Futurismo del XXI secolo a Palermo

0 1.216

Studio Futurista Artè: il Futurismo del XXI secolo a Palermo

Studio Futurista Artè: il Futurismo del XXI secolo a Palermo
Delta Futurista

In occasione della chiusura dell’anno sociale dello Studio Futurista Artè a Palermo, giovedì 13 luglio è stato presentato One-Painting Show ed è avvenuta la consegna del Delta Futurista, premio istituito dal Nuovo Movimento Futurista Siciliano Contemporaneo che omaggia chi ha supportato le attività dello studio durante l’anno.

Il mese di luglio di ben 90 anni fa, fu organizzata proprio nel capoluogo siciliano di Palermo la Prima Mostra Nazionale d’Arte Futurista a cura del maestro Pippo Rizzo (Corleone 1897 – Palermo 1961): inaugurata nelle sale de Il Convegno da Marinetti nel 1927, la mostra ospitava opere di artisti del livello di Bragaglia.

Non è certo un caso quindi che l’evento One-Painting Show si sia tenuto proprio nella stessa città, a conclusione delle attività annuali della Casa d’arte Futurista A. Gaeta, fondata a Palermo il 2 dicembre 2016, quando è stato lanciato il Manifesto firmato da Antonino Gaeta, un giovane artista nato nel 1976, allievo del Maestro Franco Nocera formatosi nella Scuderia della Galleria Prati di Palermo. Antonino Gaeta, aprendo al pubblico un luogo privato che si trova in una zona periferica della città, ha creato un punto di incontro che ha permesso la riappropriazione di spazi marginali al centro cittadino.

Parlare di arte e cultura nei propri luoghi, nelle proprie terre,  è uno degli obiettivi che lo Studio Futurista Artè è riuscito a raggiungere, dando vita ad un vero e proprio salotto culturale lontano dai luoghi istituzionali.

Non è anacronistico parlare nel 2017 di Futurismo, nonostante le origini di questo movimento siano legate alle prime Avanguardie del 1900: «Il Futurismo è un movimento sociale» oltre che artistico, afferma Gaeta, ed oggi esiste il Futurismo 3.0. L’artista porta avanti l’Azione Futurista proprio perché ne riconosce una “terza fase” che si declina sotto un aspetto filosofico-culturale. La Casa D’arte Futurista Artè è una casa privata ma che si apre alla città, in un contesto carente di luoghi di incontri socio-culturali, in una Sicilia che purtroppo non è ancora in grado di donare spazi comunitari.

Studio Futurista Artè: il Futurismo del XXI secolo a Palermo
Antonino Gaeta, Artè ERGO SUM

L’artista, in quanto tale, ha una responsabilità sociale ed è una grande rivoluzione fondare una realtà indipendente in cui gratuitamente poter condividere e sperimentare insieme a nuovi talenti, poeti, scrittori, musicisti le proprie esperienze artistiche.

Il 13 luglio, durante la serata di chiusura delle attività di Studio Futurista Artè, è stato presentato il lavoro Artè Ergo sum di Antonino Gaeta, un olio su tela che rappresenta i tre tempi e le tre prospettive spaziali della creazione artistica: il punto di vista dell’opera, dell’artista-creatore e dello spettatore si incrociano, si intrecciano e si fondono.

L’artista, che ha voluto coprire l’opera prima di svelarla al pubblico, ha chiarito durante la presentazione, di voler provare la sensazione di guardare il suo lavoro per la prima volta, con occhi nuovi. Il consiglio per osservare l’opera è quello di non chiedersi cosa voglia dire l’artista, quanto piuttosto di trovare in essa un proprio significato, farla diventare nostra.

Gli interventi di amici-collaboratori e artisti hanno animato l’incontro che all’insegna dell’arte ha dedicato un momento alla consegna del “Delta Futurista“, riconoscimento di benemerito istituito dal nuovo movimento futurista siciliano contemporaneo, con il quale si ringrazia chi ha condiviso e ha partecipato alle attività culturali dello Studio.

Giungeremo un giorno ad un’arte ancor più essenziale, quando oseremo sopprimere tutti i primi termini delle nostre analogie per non dare più altro che il seguito ininterrotto dei secondi termini. Bisognerà, per questo, rinunciare ad essere compresi. Esser compresi, non è necessario.

Filippo Tommaso Marinetti

Marta Previti per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.