“Africa. Raccontare un mondo”: arte e culture africane al PAC di Milano

0 952

Africa. Raccontare un mondo: arte e culture africane al PAC di Milano

Africa. Raccontare un mondo: arte e culture africane al PAC di Milano
Chéri Samba

Ha inaugurato lo scorso 27 giugno al PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano la mostra Africa. Raccontare un mondo, collettiva di 33 artisti provenienti dalle principali aree culturali sub-sahariane del continente africano e selezionati da un team curatoriale guidato da Adelina Von Fürstenberg e Ginevra Bria.

Come spiegato dall’assessore alla Cultura Filippo Del Corno:

Con questa mostra il PAC prosegue un cammino di esplorazione della produzione artistica contemporanea dei cinque continenti, iniziato nel 2015 in occasione dell’Esposizione Universale. Nelle scorse stagioni Cina e Cuba. Ora Africa, visitabile fino al prossimo 11 settembre. Il Brasile nel 2018.

Quel avenir pour notre art? è la domanda che ricorre nel trittico in esposizione di Chéri Samba, artista congolese che ha fatto della combinazione di dipinto e testo la propria cifra distintiva. Un interrogativo che suona più come un gesto di coraggio e di libertà e che può essere il viatico per avvicinarsi al linguaggio dell’arte contemporanea africana.

Ogni artista in mostra è allo stesso tempo sé stesso e plurimo, portavoce della propria interiorità e di una collettività intera.  Ognuno, con il proprio linguaggio, parla di vita, parla di tradizioni e rituali, passando attraverso la morte e la bellezza. Come infatti spiegato dalla stessa curatrice, Adelina Von Fürstenberg:

L’arte africana rappresenta la fierezza delle diverse comunità e dei paesi di questo continente. Per gli artisti africani il problema dell’identità artistica diventa quello dell’identità, dunque definire l’arte africana significa definire l’Africa.

Africa. Raccontare un mondo: arte e culture africane al PAC di Milano
Romuald Hazoumé

Il percorso espositivo, pur non imponendo un ordine di lettura prestabilito, è diviso in sezioni tematiche che hanno la sola funzione di fornire una “bussola” interpretativa per meglio navigare la rotta dell’arte africana contemporanea.

Si inizia con gli artisti del Dopo l’Indipendenza, maestri fortemente radicati nel proprio universo culturale, si prosegue poi attraverso Introspezione Identitaria con artisti impegnati ideologicamente e politicamente, per arrivare alla Generazione Africa immersa nella contemporaneità, fino alle nove artiste che indagano la realtà attuale con il Corpo e le Politiche della Distanza.

I temi affrontati vanno dal colonialismo alle urgenze della contemporaneità quali l’immigrazione, le questioni di genere, le problematiche ambientali, religiose e politiche. Il tutto è affrontato con un’incredibile energia creativa tanto potente da trasformare un tostapane in una maschera, un insieme di pneumatici in una seduta di design, o tale da ipnotizzare lo spettatore davanti al lento cammino di un camaleonte. Sono le maschere di Romuald Hazoumé, la poltrona intrecciata di Amadou Fatoumata, il video del registra Idrissa Ouédraogo, ma sono anche i preziosi arazzi di seta di Billie Zangewa, la Barca degli Esiliati che naviga su un mare di bottiglie realizzata da Barthélémy Toguo o ancora gli oggetti ritrovati di George Adeagbò. Giovani artisti che si accostano alle generazioni più anziane, quelle che si presentarono per la prima volta al mondo occidentale nella mostra “Le Magiciens del la Terre” tenutasi nel 1989 a Parigi.

Africa. Raccontare un mondo: arte e culture africane al PAC di Milano
Barthélémy Toguo

L’esposizione è un’occasione per accostarsi all’anima pulsante del continente più centrale del mondo e offre uno spaccato di Africa ben lontano dagli stereotipi di “nero”, di “indigeno”, di “povertà”. Quello che l’occhio del visitatore può riconoscere sono le matrici antropologiche originarie, gli elementi simbolici che si mescolano al ritmo, al profumo e al colore di un punto geografico collettivo, fonte inesauribile di ricchezza culturale.

Ciò che emerge da Africa. Raccontare un mondo è uno sguardo innovativo su una cultura visuale extraeuropea e su un territorio in continua trasformazione. Una straordinaria opportunità per confrontarci con le nostre paure ed elevarci al di sopra di esse.

Africa. Raccontare un mondo
A cura di Adelina von Fürstenberg
Video e performance a cura di Ginevra Bria
PAC – Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano
Dal 27 giugno 2017 all’11 settembre 2017

Greta Zuccali per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.