“Loro”: la coppia Sorrentino-Servillo sul set per un film su Berlusconi

0 592

Loro: la coppia Sorrentino-Servillo sul set per un film su Berlusconi

Paolo Sorrentino torna sul set: quest’estate girerà ancora una volta un film su un ex Presidente del Consiglio e stavolta toccherà al forse più istrionico che l’Italia ricordi, niente di meno che Silvio Berlusconi. Nei suoi panni ci sarà Toni Servillo, al suo quinto film con Sorrentino e alla sua ennesima trasformazione, ed il film si intitolerà Loro, riferito al gruppo di fedelissimi che sempre hanno accompagnato il Cavaliere, e racconterà dei suoi rapporti politici e personali, pubblici e privati.

Dopo uno stop in inverno, nel quale sembrava che avesse messo da parte il progetto, il regista sta ultimando la sceneggiatura con Umberto Contarello e le riprese inizieranno a luglio. Il film sarà prodotto sa Indigo, la casa di produzione che collabora con Sorrentino dal suo primo film, e verrà distribuito in Italia da Universal Pictures Italy.

Berlusconi è in qualche modo un simbolo dell’italianità e lo è di sicuro per quegli italiani che per tanti anni lo hanno sostenuto e votato. Protagonista di 20 anni di storia Italiana, ne ha incarnato e allo stesso modo plasmato lo spirito, con il suo potere mediatico e politico.

Ma c’era davvero bisogno di un film che ci ricordasse la sua vita e i suoi amici? In un momento in cui la sua notorietà e il suo ruolo politico sono in calo, rispetto ad altri periodi della storia, forse è ancora troppo presto per un film su Berlusconi, poiché sono ancora vivide nella mente di tutti le vicende delle sue condanne, delle sue gaffe nel nostro Paese e internazionali.

Il Divo

Sorrentino aveva già diretto un film su un Primo ministro italiano, Il Divo del 2008 su Giulio Andreotti, un personaggio dal carattere molto diverso da Berlusconi: la sua vita privata era avvolta dal mistero e Sorrentino non ha tentato di svelarla, ma si è concentrato sulle vicende politiche e i suoi rapporti con la mafia. Si può facilmente immaginare che il film sulla vita del Cavaliere coinvolga, come suggerisce il titolo, i rapporti personali con gli amici di sempre, come Fedele Confalonieri, Adriano Galliani, Carlo Bernasconi, Gianni Letta e Marcello Dell’Utri tra gli altri, e le sue amicizie femminili, portate alla ribalta dagli scandali e dalle condanne, come Ruby Rubacuori e le olgettine.

Il Premio Oscar per La grande bellezza ha svelato al grande pubblico internazionale Sorrentino, che già aveva lavorato con attori e produzioni straniere (This Must Be the Place). Il suo ultimo successo è stata la serie TV The Young Pope, con un cast stellare tra cui Jude Law, di cui sta preparando la seconda stagione. Anche il nuovo film probabilmente avrà un respiro internazionale, vista la popolarità di Berlusconi, nel bene e nel male, all’estero.

La grande bellezza

I film che hanno cercato di raccontare Berlusconi sono tanti, da quelli più fantasiosi ai documentari, da Nanni Moretti col Caimano a Sabina Guzzanti con Viva Zapatero!. Anche giornalisti stranieri hanno voluto, negli anni, indagare la figura del Cavaliere, come il britannico Bill Emmott, che ha firmato insieme alla regista italiana Annalisa Piras il documentario Girlfriend in a Coma nel 2012. C’è da sperare che Sorrentino proponga qualcosa di nuovo, con la sua capacità di analisi dei caratteri umani e di cogliere ciò che è fondamentale in una storia. Toni Servillo di certo non deluderà, nel regista ha trovato un amico e un compagno di lavoro che sa guidare e far emergere il suo potenziale.

Le polemiche e le critiche certo non mancheranno, ma Loro si prospetta un affresco pungente ed ironico di una certa Italia che probabilmente non esiste più.

Giulia Varalta per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.