Io non ho paura: in arrivo la 7a edizione di Trame – Festival di libri sulle mafie

0 802

Io non ho paura: in arrivo la 7a edizione di Trame – Festival di libri sulle mafie

Si svolgerà dal 21 al 25 giugno la settima edizione di Trame – Festival di libri sulle mafie di Lamezia Terme (Cz). Come annunciato a Torino in occasione del Salone del Libro, questa edizione sarà dedicata a Io non ho paura. L’evento vuole ricordare l’impegno e la lotta contro le mafie, proprio mentre si continua a dibattere sulla delicata questione Riina, proprio quando si è perso il conto delle vittime della Terra dei Fuochi.

trameL’iniziativa si ripropone di combattere quel silenzio – con cui spesso si fanno forti le mafie –  a suon di denuncia culturale e giusta informazione. Perché di mafia non bisogna mai smettere di parlare, delle vittime della mafia non ci si deve dimenticare, così come di chi ha dato la propria vita in nome della libertà. È dello stesso avviso Armando Caputo, presidente della Fondazione Trame, che, come si legge sul sito ufficiale del festival, ha sottolineato più volte l’importanza e lo scopo di questa iniziativa.

Con il progetto Trame vogliamo contribuire a quella rivoluzione culturale, che ieri Falcone e Borsellino, e oggi tutti gli uomini dello Stato impegnati a contrastare i fenomeni criminali e mafiosi ritengono indispensabile per liberare le nostre comunità e l’intero paese.

Saranno cinque giorni di confronto e di dibattito, di libri e di memoria, di conferenze, mostre e anteprime: a farla da padrona sarà la cultura che, in ogni sua forma, resta una delle armi più importanti contro la criminalità organizzata.

Il programma del festival di quest’anno prevede a partire da mercoledì 21 giugno, oltre ad esibizioni varie e la presentazione delle nuove uscite sul mercato editoriale, la mostra dell’illustratore Guido Scarabottolo intitolata Trame e me. Nella giornata di mercoledì ampio spazio sarà ritagliato alla memoria: si ricorderà la Strage di Duisburg o “strage di Ferragosto”, avvenuta il 15 agosto 2007, in occasione della quale sei persone furono uccise davanti ad un ristorante italiano della città tedesca. Nello spazio La strage di Duisburg 10 anni dopo, mediato dalla scrittrice e giornalista Angela Iantosca, interverranno lo scrittore Sandro Mattioli e Bernhard Pfletschinger.

trameNella giornata di giovedì 22 giugno, invece, il perno sarà spostato sull’importante questione del riciclaggio internazionale di denaro sporco in Gran Bretagna. Ad affrontare il tema saranno lo storico John Dickie, il colonnello della Guardia di Finanza Claudio Petrozziello e la giornalista Raffaella Calandra. L’incontro Londra lava più bianco, riciclaggio nella City farà luce sui grandi traffici di denaro, di cui spesso si sente parlare ma in fondo poco si sa. La giornata si concluderà con un dibattito, coordinato dal giornalista Claudio Cordova, riguardante  La Massoneria in Calabria.

Venerdì 23 giugno, invece, tocca all’ambiente, non più aspetto di secondo piano della criminalità organizzata, ma una delle grandi piaghe degli ultimi tempi – si veda le migliaia di morti della Terra dei Fuochi.  Si parlerà delle ecomafie e del fenomeno di criminalità ambientale, e chi meglio di Legambiente potrà illuminarci a riguardo? Sarà infatti proprio Legambiente ad aprire la giornata di venerdì con il progetto Ricicla Estate. Nuove proposte verranno messe sul piatto della bilancia e vagliate per arginare il fenomeno delle ecomafie in Calabria, di cui sarà  il Direttore Nazionale Legambiente Stefano Ciafani a parlarci, assieme al Presidente Legambiente Calabria Francesco Falcone  e al Vice Andrea Dominijanni.

Sabato sarà, invece, più strettamente dedicato alla presentazione dei libri sulle mafie tra cui: I preti e i mafiosi. Storia dei rapporti tra mafie e Chiesa Cattolica di Isaia SalesContro i ladri di speranza. Come la Chiesa resiste alle mafie di Massimo Naro. Da non perdere nemmeno la presentazione della graphic novel di Carlo Carlei The passengers e l’anteprima di Questione di rispetto. L’impresa di Gaetano Saffioti contro la ‘ndrangheta di Giuseppe Baldessarro. Perché di mafia si deve continuare a scrivere. Perché le mafie non devono zittirci.

trameDomenica 25 giugno il focus sarà sul traffico illegale di opere d’arte, ma ovviamente non mancheranno incontri legati al mondo della scrittura come la presentazione del libro del giornalista Fabio Isman L’Italia dell’arte venduta. Collezioni disperse, capolavori fuggiti e l’appuntamento con Sbirri con la penna. A concludere le cinque giornate del festival vi sarà l’anteprima mondiale de L’inganno delle parole, con protagonista l’attrice e cantante napoletana Lina Sastri.

Trame si propone quindi di discutere e dibattere di criminalità organizzata, proponendo di combatterla attraverso la cultura, il dialogo, la letteratura e la consapevolezza: partecipare e sostenere questo festival è un impegno sociale affinché si possa trovare una soluzione ad una delle grandi piaghe del nostro paese.

Trame – Festival di libri sulle mafie
Lamezia Terme, Catanzaro
Dal 21 giugno al 25 giugno 2017

Alessia Aiello per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.