“Hokusai – Sulle orme del maestro” da ottobre al Museo dell’Ara Pacis

0 864

Hokusai – Sulle orme del maestro da ottobre al Museo dell’Ara Pacis

Hokusai - Sulle orme del maestro
Katsushika Hokusai, Giornata limpida col vento del sud (o Fuji Rosso), dalla serie Trentasei vedute del monte Fuji, 1830 -1832 circa, Silografia policroma

Dal 12 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018 sarà possibile visitare, all’interno della splendida cornice del Museo dell’Ara Pacis, progettato dal celebre architetto Richard Meier, la mostra Hokusai – Sulle orme del maestro. Si tratta di un’occasione unica, che offre agli appassionati del maestro giapponese la possibilità di ammirare e confrontare la sua produzione nei diversi periodi della sua vita, accostata inoltre a diversi artisti suoi contemporanei e che ne rimasero senza alcun dubbio influenzati negli anni successivi.

La mostra, che conta in totale circa 200 opere, vedrà esposte per ogni rotazione dell’esposizione 100 capolavori, in modo da poter permettere la corretta conservazione delle fragili silografie policrome provenienti da diverse importanti collezioni giapponesi. Tra le più note troviamo Chiba City Museum of Art, Sumisho Art Gallery, Uragami Mitsuru Collection e Kawasaki Isagono Sato Museum, oltre che il Museo d’Arte Orientale Edoardo Chiossone di Genova.

Hokusai - Sulle orme del maestro
Keisai Eisen
Yamashita in Shitaya e Kriyama in Oshū, 1818 -1830 circa, silografia policroma

Katsushika Hokusai (1760-1849) viene ancora oggi considerato maestro assoluto dell’arte dell’Ukyo-e, che letteralmente significa “immagine del mondo fluttuante”, un tipo di stampa tradizionale giapponese realizzato su carta tramite matrici in legno. L’artista durante la sua lunga vita si appassionò a diversi numerosi soggetti, tipici del folklore e della cultura del Giappone. Per la realizzazione delle sue opere Hokusai infatti attinse dal raffinato repertorio di scenari naturali del Paese, alle maschere del teatro Kabuki, ma anche all’immenso universo di miti e leggende popolati da affascinanti e misteriosi spiriti e divinità: i kami.

Sperimentatore di stili e tecniche, non può che essere considerato il punto di riferimento per eccellenza dell’arte giapponese del XIX secolo. Tra i suoi allievi più celebri troviamo Hokuba, Hokkei e Hokumei, ma la sua influenza è stata capace di giungere fino in Europa, ispirando opere di artisti come Van Gogh, Monet, Manet, Degas, Renoir e molti altri aderenti al movimento del cosiddetto “Giapponismo” riuscendo ad affascinare anche le generazioni successive.

La mostra sarà suddivisa in cinque diverse sezioni, che indagheranno i temi più in voga all’epoca del grande maestro. MEISHŌ: mete da non perdere illustrerà le località di viaggio più celebri del periodo Edo, con le famosissime Vedute del Monte Fuji, in diverse versioni, e l’iconica Grande Onda; Beltà alla moda mostrerà i più bei ritratti femminili del maestro posti a confronto con i suoi allievi; Fortuna e buon augurio con le divinità benaugurali della tradizione giapponese; Catturare l’essenza della natura parlerà invece dei classici motivi naturali “dei fiori e degli uccelli”; e per finire la sezione Manga e manuali per imparare mostrerà i volumi che il maestro Hokusai creò per poter trasmettere l’arte della pittura ai suoi successori.

Hokusai - Sulle orme del maestro
Katsushika Hokusai, Il Fuji da Gotenyama presso Shinagawa sul Tokaido, dalla serie Trentasei vedute del monte Fuji, 1830-1832 circa, Silografia policroma

Un appuntamento imperdibile, offerto da Roma Capitale e dall’Assessorato alla Crescita culturale con il supporto dell’Ambasciata Giapponese, che consentirà agli appassionati del Giappone di immergersi nei magici paesaggi di questo affascinante paese e di ammirare le sue più celebri vedute circondato da antichi spiriti e dai suoi caratteristici abitanti. Un tuffo nella cultura e nel folklore giapponesi, sulle orme di un grande maestro che tanto ha dato all’arte che lo ha seguito e che ancora oggi è capace di incantare.

Hokusai – Sulle orme del maestro
A cura di Rossella Menegazzo
Museo dell’Ara Pacis, Roma
Dal 12 ottobre 2017 al 14 gennaio 2018

Beatrice Obertini per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.