Il Festival Strada degli Scrittori, un viaggio da Pirandello a Camilleri

0 873

Il Festival Strada degli Scrittori, un viaggio da Pirandello a Camilleri

Festival Strada degli Scrittori

Immersa nella Valle dei Templi, tra Agrigento e Caltanissetta, si snoda la Statale 640, un braccio di asfalto verso l’entroterra siciliano. Una strada apparentemente come tante, ma che nel suo percorso raccoglie luoghi focali per l’identità culturale nazionale. Dal 1° giugno 2016, grazie all’intuizione del giornalista Felice Cavallaro, è stata rinominata Strada degli Scrittori, poiché collega luoghi che hanno visto nascere e operare alcuni dei principali autori del Novecento: Antonio Russello, Andrea Camilleri, Leonardo Sciascia, Luigi Pirandello, Rosso di San Secondo, Tomasi di Lampedusa. Da quest’anno i comuni si sono impegnati nell’organizzazione di un festival itinerante che racchiuda la celebrazione di tutte queste personalità: fino al 7 luglio il primo Festival Strada degli Scrittori sorprenderà i visitatori lungo la SS640 con eventi di ogni tipo.

Andrea Camilleri

Il viaggio è iniziato a Favara, paese di nascita di Antonio Russello, autore di romanzi e testi teatrali. Pur essendo veneto d’adozione, i colori della sua Sicilia riemergono nelle sue opere, come nel romanzo Siciliani prepotenti. Qui dall’ 11 al 14 maggio si sono susseguiti convegni e spettacoli in suo onore. Ci spostiamo quindi a Porto Empedocle, dove il 18 maggio si sono inaugurate le celebrazioni per Andrea Camilleri. La marina dell’immaginaria Vigata prende forma nelle spiagge larghe del paese natale dello scrittore «località a geometria variabile». Tra gli eventi vi è stata una passeggiata nel centro storico alla ricerca dei luoghi di Vigata, dove nei romanzi si muove il commissario Montalbano. Uno svincolo sulla SS640 porta a Racalmuto, patria di Leonardo Sciascia, che in opere come Todo Modo o Candido rappresenta ombre e contraddizione della Sicilia dei paesini.

Attraversiamo l’area archeologica del giardino della Kolymbreta ed arriviamo a

Girgenti, la città di Luigi Pirandello. Questa tappa quest’anno ha un valore particolare: alla serie di conferenze e spettacoli conclusasi il 4 giugno si affiancano le celebrazioni per il 150esimo anniversario della nascita dello scrittore, a cui saranno dedicate sei giornate di festival, dal 22 al 28 giugno (il suo giorno natale). Le celebrazioni avranno luogo in una cornice suggestiva, lo spazio antistante la casa natale. Tra gli eventi segnaliamo la rappresentazione teatrale di Berretto a sonagli e Liolà con Sebastiano Lo Monaco martedì 27 giugno.

Luigi Pirandello

Il Festival Strada degli Scrittori, inoltre, è uscito dai confini siciliani con il concorso letterario nazionale Uno, Nessuno e Centomila, rivolto alle scuole secondarie di secondo grado, per la realizzazione di una sceneggiatura di un corto teatrale ispirato alle novelle di Pirandello. Gli studenti di tutta Italia si sono dovuti confrontare con le tematiche pirandelliane e darne la personale rielaborazione. I quattro elaborati selezionati da una giuria di esperti (Leonora Addio di Elvira Giuditta La Mattina, Liceo classico annesso al Convitto Falcone di Palermo; Di sera un geranio (lavoro collettivo), Educandato Statale Liceo “Agli Angeli” di Verona; La patente della vita (lavoro collettivo), Liceo Statale “Fakhr el Dine” per le Giovani Ragazze di Beirut, Libano; Tu ridi di Carmine Laudato, Liceo classico Statale Pietro Colletta di Avellino) sono andati in scena al Teatro Pirandello di Agrigento lo scorso 1° giugno.

Leonardo Sciascia

Continuando il viaggio attraverso la Strada degli Scrittori, si sono appena concluse le celebrazioni di Rosso di San Secondo a Caltanissetta, ma merita di essere visitato il parco archeologico Palmintelli nel perimetro urbano, con costruzioni funerarie dell’età del bronzo. Per chi volesse continuare l’itinerario nei prossimi giorni, dal 15 al 18 giugno a Palma di Montechiaro si ripercorreranno con talk show e spettacoli musicali la vita e le opere di Tomasi di Lampedusa. I visitatori potranno inoltre godere delle bellezze del paese, come il Monastero del SS. Rosario delle Benedettine, che conserva le esequie di Suor Maria Crocifissa della Concezione, la “Beata Corbera” nel Gattopardo.

Gli eventi conclusivi si susseguiranno nello spazio antistante la casa di Pirandello dal 5 al 7 luglio.

La Strada degli Scrittori è frutto di un’intuizione geniale, che secondo un’ottica di “buon turismo” unisce infrastrutture e luoghi d’interesse, guidando i turisti in un viaggio tematico tra teatro, musica e archeologia, scoprendo la Sicilia attraverso gli occhi di alcuni dei più grandi autori del Novecento. Alla fine del viaggio, al visitatore più sensibile sarà parso di aver passeggiato nei romanzi, in luoghi che attraverso le parole degli scrittori  sono impressi nel cuore dei lettori di ogni parte d’Italia.

Chiara Di Giambattista per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.