Giornata Mondiale dell’Ambiente, il 5 giugno tutto il mondo festeggia la natura

0 950

Giornata Mondiale dell’Ambiente, il 5 giugno tutto il mondo festeggia la naturaLa Giornata Mondiale dell’Ambiente è la più grande e famosa giornata che tende a sensibilizzare e mobilitare l’opinione pubblica su temi ambientali, sempre più al centro delle nostre culture. È stata istituita nel 1972 dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite e si celebra ogni 5 giugno. Quella di quest’anno, dal nome Connecting People to Nature è dedicata al legame tra le persone e la natura: invogliando le persone ad abbandonare le proprie abitazioni e ad immergersi nella natura, in modo tale da apprezzarne la bellezza e l’importanza, al fine di mettere in atto misure per la salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo.

Il Paese promotore del 2017 è il Canada che di conseguenza ha scelto il tema per e vedrà il suo suggestivo territorio come scenario principale della maggior parte degli eventi in programma. In tutto il mondo però moltissimi Paesi si mobiliteranno con svariate manifestazioni a favore di questa giornata.

Anche in Italia ci saranno degli eventi in agenda: il nostro Paese risulta essere particolarmente sensibile alla questione, specialmente in questo periodo, visto che i temi del G7 di Taormina sono ancora motivo di dibattiti interni e la questione ambiente ha creato svariate tensioni diplomatiche durante il vertice.

Giornata Mondiale dell’Ambiente, il 5 giugno tutto il mondo festeggia la naturaFa inoltre riflettere la scissione del presidente USA, Donald Trump, apertamente schierato contro la politica ambientalista condotta da Obama, ribadendo i punti del suo programma elettorale. Il sindaco di New York De Biaso ha dichiarato invece di rispettare gli accordi climatici, così come la California; dall’altro fronte la Virginia e molti altri stati dell’America rurale sono schierati con Trump, convinti di poter rimettere in moto la vecchia industria americana senza badar alle conseguenze climatiche.

A Bologna, l’11 e il 12 di giugno verrà festeggiata la seguente giornata: saranno molte le attività promosse dal Ministero dell’Ambiente, il comune di Bologna, l’Università e tante altre associazioni, per rendere Bologna la capitale mondiale dell’ambiente per il mese di giugno.

Oltre alla due giorni di Bologna, il 9 giugno CGIL, CISL E UIL si incontreranno con i rappresentanti sindacali dei Paesi del G7, un’occasione per trovare punti in comune e rendere il G7 fulcro dell’Agenda di Parigi sui cambiamenti climatici e su quella del 2030 sullo sviluppo sostenibile.

I temi ambientali sono sempre di risonanza importante, i grandi leader del nostro pianeta sono in disaccordo su molti punti ed i motivi sono tanti: lo sviluppo economico ed industriale è senza alcun dubbio quello principale. Si parla spesso del surriscaldamento globale, ignorando però delle soluzioni concrete perché troppo costose o troppo svantaggiose per chi continua ancora oggi ad utilizzare petrolio e carbone, non curandosi degli enormi danni che causano.

Moltissime associazioni combattono ogni giorno per la difesa del nostro ambiente, cercando di dimostrare e ricordare che la nostra esistenza è basata sull’esistenza del nostro ambiente; la distruzione della natura inevitabilmente porterà anche la distruzione dell’uomo.Giornata Mondiale dell’Ambiente, il 5 giugno tutto il mondo festeggia la natura

La Giornata Mondiale dell’Ambiente è dunque un’importante occasione per tornar a voler bene alla natura, a preservarla e magari a migliorarla.

Ognuno nel suo piccolo ogni giorno può fare qualcosa per l’ambiente, per provare a migliorarlo; non serve molto: rispettare le regole sull’abbandono dei rifiuti, sulle emissioni e magari rinunciare (quando possibile) all’auto è già un grande passo avanti.

Nessuno chiede di rinunciare alle proprie abitudini ma semplicemente di adeguarle al cambiamento climatico e ambientali di cui noi tutti siamo gli artefici, affinché un domani le generazioni future possano godersi il nostro meraviglioso pianeta proprio come abbiamo fatto noi, magari in maniera più decorosa e civile.

Giammarco Rossi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.