Elisabetta II: una Regina che è Storia

Elisabetta II: una Regina che è Storia

Elisabetta II d’Inghilterra nasceva il 21 aprile 1926. È la regina più longeva della storia del Regno Unito, un record toccato il 9 settembre 2015. Una reggenza che ha superato – in termini di durata – tutti i suoi predecessori, compresa la trisavola Vittoria con i suoi poco più di sessantatré anni consecutivi al potere.

Elisabetta − sposata dal 1947 con Filippo di Edimburgo − prese le redini del Regno Unito in seguito alla morte del padre, re Giorgio VI, avvenuta il 6 febbraio 1952. L’incoronazione ufficiale si svolse il 2 giugno 1953, nell’anno successivo, come segno di tradizionale rispetto verso il defunto monarca.

Anche prima di diventare regina, Elisabetta non ha mai perso di vista i doveri che la sua posizione di primogenita di Re Giorgio VI ed Elizabeth Bowes-Lyon richiedevano. Fin da giovanissima si è dichiarata al servizio del Paese, della gente appartenente a quella grande famiglia imperiale di circa 125 milioni di sudditi (inclusi quelli del Commonwealth). Non ha mai tradito la sua promessa, si è sempre dimostrata una donna salda, ferma e incrollabile. Anche nelle peggiori situazioni che hanno visto coinvolta l’Inghilterra, quale è stata la Seconda Guerra Mondiale (prima, quindi, della sua incoronazione), Elisabetta non ha mai manifestato segni di cedimento. Anzi, è riuscita a convincere il padre per poter prendere parte attiva in difesa del suo Paese. Si è unita così al Servizio Ausiliare Territoriale (ATS), promossa successivamente con il titolo di Comandante Onorario Junior. Nessun dubbio, dunque, già da allora, sul suo personale senso di rispetto e di responsabilità verso la sua Patria.

Elisabetta II: una Regina che è StoriaDa sempre la contraddistingue un’impostazione rigida, poco trasparente, poco disposta a rilasciare interviste e a far trapelare le sue mosse politiche. Una chiusura verso il pubblico che ha coperto la sua figura di riguardosa riverenza, di un distacco che non ha potuto che renderla inattaccabile persino da critiche e polemiche (che spesso risultano di facile concessione se si parla di politici). Il suo atteggiamento composto e dignitoso, il suo modo di rapportarsi con ministri e leader – anche di altri Paesi, tra cui, ad esempio, il leggendario Nelson Mandela – la contraddistinguono come figura cordiale e diplomatica, persona ben voluta da tutti i suoi sudditi. Tra le poche e sole parole negative che sono state mosse contro Elisabetta II troviamo quelle inserite, a fine anni ‘90, nel tragico quadro della morte della Principessa Diana (1997): in questa occasione, i regnanti furono giudicati freddi e senza emozioni, non essendo stati visti manifestare pubblicamente il proprio cordoglio per la traumatica perdita.

Ma questa è la personalità pubblica della Regina, un carattere che non dichiara mai apertamente i propri sentimenti ed emozioni. Un’immagine impenetrabile che solo ultimamente, negli ultimi anni, ha però dato spazio ad atteggiamenti più morbidi, lasciandosi sfuggire più frequentemente sorrisi o lacrime, destando quasi stupore da parte di chi l’ha sempre vista impassibile.

Mai come nel campo della politica è più appropriato parlare di persone che hanno fatto la storia, e nel caso di Elisabetta II vediamo una Donna che ha scritto e governato la storia del suo Paese per ben 64 anni, divenendo un simbolo intramontabile per la monarchia che rappresenta. Un’icona storica, sicuramente, ma che è stata anche (e continua a essere) nel mirino degli obbiettivi fotografici modaioli. I suoi vestiti sempre colorati – utili anche per contraddistinguerla tra la folla, per motivi di sicurezza –, e accompagnati da settanta anni dalla medesima borsetta nera,  hanno fatto del suo personaggio un inconfondibile simbolo di impeccabile stile.

Elisabetta II: una Regina che è StoriaEd è proprio vestita del suo amato color turchese che compare nella fotografia che in questi ultimi giorni ha fatto sorridere e aprire il cuore a tutto il mondo: l’immagine ufficiale scattata per i quattro francobolli della Royal Mail inquadra il principino George – vero protagonista della scena –, in compagnia del padre William, del nonno Carlo e della sua bisnonna Elisabetta. Questo felice quadro di famiglia ha iniziato a mostrarsi giorni prima del compleanno della Regina, quasi preparando il terreno per questo fatidico e storico 21 aprile, quello dei 90 anni di Elisabetta II. Un vero traguardo che mai un monarca inglese ha raggiunto.

Donna e Regina rispettata e stimata in tutto il mondo, sessantaquattro anni di governo a capo di una delle nazioni più rilevanti sulla scena mondiale, madre di quella sua amata famiglia imperiale a cui ha promesso eterna fedeltà.

Stiamo vivendo con lei, e grazie a lei, momenti che passeranno, e che sono già passati, alla storia. Tutti noi oggi stiamo omaggiando colei che è Storia.

Sabrina Pessina per MIfacciodiCultura

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
By on aprile 21st, 2017 in Articoli Recenti, Society

RELATED ARTICLES

Leave Comments

5 × 4 =

Su Facebook

Su Instagram

Su Twitter