#TravelConnection – Cadaqués, respiri ai confini della Spagna orientale

0 1.251
Cadaqués

Andateci. Questa l’unica cosa sensata che avrei da dirvi. Perché raccontare Cadaqués riuscendo a trasmettere quello che riesce a dare anche soltanto camminandoci attraverso è davvero impresa ardua.

Cadaqués è una paesino arroccato nell’estremo nord della Costa Brava, caratterizzato da casette bianche dalle porte colorate e vie strettissime di cui innamorarsi. Il mare che lo lambisce è di un blu profondo in contrasto con la scura cornice di rocce a picco.

Qualche localino sparpagliato nel centro e case adibite a gallerie d’arte con le porte aperte come a invitarti a entrare. Passeggiando verso la parte più alta del paese potrete visitare la chiesa di Santa Maria de Cadaquès e godere della vista privilegiata che vi farà abbracciare con un solo sguardo tutta la baia.

Avrete spesso il fiato corto a Cadaquès a volte per la pendenza dei suoi stretti vicoli, altre, e sarà la maggior parte, per la meraviglia dei suoi scorci.

A proposito di luoghi da mozzare il fiato, poco fuori dal paese, potrete raggiungere il parco naturale di Cap de Creus, un insieme di calette segrete e scogliere brune su un mare incontaminato con sfumature che non si possono descrivere. Le acque sono profonde e gelide, di quelle che vi fanno mancare il respiro appena immersi, peculiarità che solitamente io evito prontamente, ma qui nulla potrà tenervi lontano dalla tentazione di tuffarvi. Fidatevi.

Partendo dal mare e risalendo il promontorio fino alla cima potrete raggiungere il faro scegliendo l’unica strada tracciata o qualche sentiero alternativo tra le rocce. Una volta lì le immagini che vedrete tesseranno ricordi che non saprete dimenticare. Seduti, occhi pieni e una copa di vino rosato in mano, potrete ascoltare il solo rumore del vento e perdere del tutto la voglia di andare via.

Dopo pochi giorni Cadaquès vi farà sentire come a casa, vi affezionerete a qualche bar e vi mischierete tra gli abitanti del posto.

Vi fermerete a chiacchierare con chi vi chiederà da dove venite e come avete conosciuto questa perla nascosta, vi potrà capitare di sedere vicino a un tavolo di sconosciuti e ritrovarvi ad ascoltare le loro conversazioni che iniziano in catalano, proseguono in francese e si concludono in inglese.

Collezionerete i vostri angoli che vi rimarranno cari sempre e per credermi vi basterà chiedere a qualcuno che Cadaquès l’ha respirato.

Al solo nominarla gli si illumineranno gli occhi e, si sa, quelli non sanno mentire.

Non ci troverete le bellezze di Madrid né la movida di Barcellona, è lontana da qualsiasi immagine della rumorosa Costa Brava.

Cadaquès è Cadaquès, ispirazione pura.

Lo testimonia il passaggio di artisti come Picasso, Garcia Lorca, Miró e prima di tutti Dalí che andavano a trovare se stessi e a stuzzicare il loro estro per le vie di questo borgo.

Cadaquès è la definizione vivente del buen retiro nella sua accezione di oasi e rifugio di quiete.

Vi darà tutto quello che non sapevate di stare cercando.

Gloria Sacchi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.