“Leggere”: Steve McCurry in mostra a Brescia presenta un mondo di lettori

0 1.162

Leggere: Steve McCurry in mostra a Brescia presenta un mondo di lettori

Steve McCurryIl Museo di Santa Giulia di Brescia propone, in anteprima mondiale, una mostra dedicata al genio della fotografia Steve McCurry. Il fotografo americano, noto soprattutto per il ritratto della ragazza afghana, celebra oltre trent’anni di viaggi con un nuovo libro dal titolo Leggere. Un omaggio alla parola scritta che racconta la bellezza di dedicare del tempo alla lettura e alla cultura in tutto il mondo senza alcuna differenza.

La mostra, curata da Biba Giacchetti e da Roberto Cotroneo, è una celebrazione dell’artista in occasione del Brescia Photo Festival 2017 e presenta oltre 70 fotografie selezionate tra quelle più famose della sua carriera e quelle inedite del nuovo libro. Gli scatti immortalano persone di ogni razza ed etnia, caratteristica cardine di Steve McCurry, che per tutta la vita ha cercato di mostrare ogni sfaccettatura del mondo attraverso i suoi lavori, e in questo caso tutte queste sono assorbite nell’atto intimo e universale del leggere. I protagonisti sembrano svelare in modo inconsapevole il potere istintivo in questa azione così silenziosa e scontata da apparire però carica di una magia sempre nuova.

Dalle strade di Roma ai canali di Venezia, dai monasteri dell’Asia orientale ai luoghi più misteriosi della Turchia, dai silenzi di un Afghanistan in guerra alla pace rumorosa dell’India: fotografie espressive e colorate, capaci di raccontare sempre qualcosa di diverso anche attraverso la semplicità di un libro, di un giornale o di una rivista. Inoltre, all’interno della mostra, ad accompagnare a ogni fotografia, si possono trovare una serie di citazioni di brani letterari selezionati dal curatore Roberto Cotroneo per creare un percorso parallelo per i visitatori. Le frasi stuzzicano la curiosità di chi si ferma a leggerle durante la visita, e gli scatti così vibranti e colorati sembrano un doppio invito a dedicarsi ad un’arte così nobile e così universale.

Steve McCurry«Per fare qualcosa di bello bisogna aspettare i tempi della vita» ha ammesso Steve McCurry in svariate interviste, e sembra che a lui la vita ne abbia regalati parecchi, di tempi: attimi che ha saputo raccogliere e custodire grazie al suo talento. Dalle atrocità delle guerre nei paesi più poveri del mondo alla paura per l’attentato dell’11 settembre a New York, dalla bellezza di un sorriso alla forza magnetica di due occhi verdi.

Questa sua incredibile capacità di adattare il tempo agli scatti della sua macchina lo ha reso uno dei fotoreporter più amati al mondo e la mostra di Brescia ha infatti già avuto un incredibile successo. Nello splendido museo allestito in un complesso monastico di origine longobarda sarà quindi possibile rivivere un’intera carriera attraverso colori, parole e attimi di vita sospesi, rapiti da ogni angolo del mondo. Dunque un’esperienza da non perdere per tutti gli appassionati di fotografia, di lettura e di bellezza.

Per gli appassionati di fotografia, una buona notizia: non è in programma solo l’esposizione di McCurry, ma la rassegna del Brescia Photo Festival 2017 continua fino al 3 settembre accompagnata da altre due mostre in anteprima mondiale. Parliamo di Magnum’s first, che si compone di 83 stampe vintage in bianco e nero, e Magnum. Le premìere fois che invece presenta i servizi di lancio di venti celebri fotografi della Magnum.

Steve McCurryCosì Brescia continua a regalare a tutti i suoi visitatori la possibilità di imbattersi in lunghi e incredibili viaggi. Viaggi che portano al passato, che aprono mondi lontani o che svelano semplicemente la bellezza di un gesto quotidiano come quello della lettura.

Steve McCurry – Leggere
A cura di Biba Giacchetti e Roberto Cotroneo
Museo di Santa Giulia – Brescia
Dal 7 marzo al 3 settembre 2017

Giulia Toninelli per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.