#perlaGloria – Obiettivo di coscienza

0 540

#perlaGloria – Obiettivo di coscienza

Credo quindi sono.

#obbiettivodicoscienza
Abbiamo questo problema serio che assomiglia a una malattia incurabile.
Una sorta di morbo che controlla i nostri movimenti, le azioni, le parole.
Un’epidemia.
Siamo tutti affetti dalla patologia del credere di sapere.
Non ci preoccupiamo più di sapere davvero, ci basta intuire, pensare di aver capito.
Ci pare tutto chiaro, logico, scontato, così scontato che non ci serve nemmeno fermarci a riflettere due minuti, fare i conti con il fatto che ci accaloriamo per questioni che non ci appartengono e che ci piace poterne chiacchierare con toni all’arsenico consci del fatto che tanto, proferita l’ultima parola della nostra arringa, noi possiamo smettere di pensarci, dimenticare, soprassedere, passare alla questione successiva altrui.

Così ragionando abbiamo soffocato l’empatia a due mani e non molliamo la presa, infatti visto come va il mondo, direi che se la passa piuttosto male.
E non è la sola.

Anche la coscienza non scoppia di salute.
La nominiamo, sovente, in molte salse ma non la guardiamo mai in faccia.
Preferiamo millantare audacia gridando improperi e condanne da giudici universali piuttosto che fare due conti con lei.
Prendere coscienza.

Delle situazioni, delle azioni, di sé, questa sì che sarebbe una bella svolta, un cambiamento reale, qualcosa da far tremar la terra.
La tua coscienza significa appunto gli altri dentro di te” diceva Pirandello e pare una cosa da nulla ma non lo è.
Perchè è credendo di sapere quello che provano gli altri che un medico non dà peso alle grida e alle preoccupazioni di una sua paziente, che non si fa più attenzione, che si lascia che le cose arrivino al punto in cui l’unica cosa da fare è appurare che è troppo tardi.
L’obiezione poco c’entra, qui il problema è la coscienza.
Qualcosa che manca anche a noi mentre parliamo, come se sapessimo cosa vivono, fanno, provano gli altri.

Non sappiamo niente.
A stento sappiamo cosa proviamo e pensiamo noi.
Ma nella società di oggi pare che non conti.
Sapere non è importante, l’importante è far credere di sapere, più #perlagloria che per la verità.

Gloria Sacchi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.