“IED e Van Gogh Alive”: dove la teoria diventa pratica e azione

0 483

IED e Van Gogh Alive: dove la teoria diventa pratica e azione

L’Istituto Europeo di Design – IED di Roma e la mostra romana Van Gogh Alive – The Experience si uniscono in un abbraccio dove l’arte incontra la moda: sarà possibile visionare questo connubio fino al 19 febbraio presso il Palazzo degli Esami a Roma, dove fino al 27 marzo si tiene la mostra esperienziale dedicata a Van Gogh. Quest’ultima, organizzata da Ninetynine, permette agli spettatori un’esperienza emozionale ed immersiva totale, grazie a un sistema multimediale sviluppato da Grande Exhibitions: grafica multi-canale, suono surround, oltre 3.000 immagini sincronizzate con una potente colonna sonora che include musiche di Vivaldi e Handel, ed oltre 800 opere che permettono di viaggiare attraverso i Paesi Bassi, la Parigi degli Impressionisti, e poi Arles, Saint Rémy fino a Auver-sur-Oise.

Lo IED, tra le migliori cinquanta scuole di Moda del mondo secondo la classifica 2016 di Business Of Fashion, ha organizzato per l’occasione un Fashion Lab durante il quale gli studenti del primo anno dei corsi triennali in Fashion Design (Italiano e Inglese), Fashion Stylist e Design del Gioiello della sede romana hanno realizzato le creazioni esposte in concomitanza all’apertura di Altaroma, storico appuntamento dedicato al mondo della moda della capitale. I giovani artisti hanno dato forma a modelli d’arte da indossare, lasciando la creatività libera di lavorare sulle note cromatiche dei colori utilizzati dal grande maestro dell’arte moderna Vincent Van Gogh: su queste linee di dinamismo e inventiva, gli studenti dello IED hanno assorbito e rielaborato, secondo una visione puramente soggettiva dell’arte, le dinamiche lavorative ed artistiche di Van Gogh per vestire i corpi d’arte. Colori sgargianti, forme innovative, gioielli e colletti conferiscono ad un’esperienza visiva ed immersiva, di per sé molto profonda, un tocco glam.

Moda e arte si intrecciano si fondono dunque in un abbraccio di passione e genialità per coinvolgere un pubblico sempre più vasto e condurlo nei tempi dell’arte e tra le linee della novità.

La moda è una lettura della vita, necessariamente soggettiva perché fonda se stessa sul sentire personale del creativo, che persegue l’obiettivo dell’unicità dei risultati. Proprio nel segno della creatività e dell’unicità, tra le infinite tessere del mosaico che chiamiamo realtà, è da sempre privilegiata la liaison che avvicina la moda alle altre dimensioni del fare cultura: letteratura, cinema, ma soprattutto arte figurativa.

Spesso la moda si  ispirata all’arte per le sue creazioni. Forse quando la vena creativa autonoma è esaurita, o forse per rendere omaggio a un’arte sorella, la moda ha spesso attinto, se non citato direttamente, ai quadri e alle creazioni dell’arte moderna e contemporanea: ad esempio i modelli dalle collezioni di Rodarte, Yves Saint Laurent e Jil Sander, o quelli di Armani, hanno tratto ispirazione dalla storicità dell’arte per dare nuova voce al colore e alla forma, dunque se i grandi nomi hanno accostato l’eleganza dell’abito alla comunicazione artistica perché non possono fare tale esperienza anche i giovani creativi?
Le nuove leve hanno l’arduo compito di portare la visione dell’arte ad un livello di maggiore percezione e perché no, di più profonda vestibilità.

Il tempo in cui l’arte era relegata al grande contenitore museale sembra lasciare ampio spazio ad una forma d’arte fruibile, presentata al grande pubblico in una veste nuova, allettante, godibile, vestibile: l’arte ha abbattuto i confini materiali del contenitore per cominciare a girare in tutti gli spazi, compresi gli armadi. Allora avanti con la creatività e l’inventiva perché l’arte non sia solo materia da manuale ma gioiello da indossare.

Il progetto è supportato dalla partnership con il famoso marchio americano Liquitex che nel 1955 inventa e lancia i primi colori acrilici ad acqua.

IED e Van Gogh Alive – The Experience
Palazzo degli Esami, Roma

Grazia Nuzzi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.