Un rivoluzionario fantascientifico: Frank Patrick Herbert

0 664

Un rivoluzionario fantascientifico: Frank Patrick Herbert

Frank Patrick Herbert
Frank Patrick Herbert

Che cos’è la fantascienza? Questa parola così affascinante che può riportare alla nostra mente “tutto e niente”, a cosa ci fa pensare!? Possiamo pensare ad un mondo fantastico, a qualcosa di assolutamente innovativo o tanto altro ancora. La fantascienza è sicuramente un genere di narrativa popolare di successo che si è sviluppato nel Novecento e ha le sue radici nel romanzo scientifico. Dalla letteratura la fantascienza si è estesa agli altri mass media, come il cinema, i fumetti, la televisione e i videogiochi. Colui il quale ha saputo catapultare i lettori in questa fantastica atmosfera, porta il nome di Frank Patrick Herbert (Tacoma, 8 ottobre 1920 – Madison, 11 febbraio 1986).

Frank Patrick Herbert è stato un grande autore di fantascienza statunitense, scrittore acclamato dalla critica è stato in grado di riportare contemporaneamente un vero successo di pubblico a livello mondiale. Il suo nome è legato soprattutto al romanzo Dune e ai cinque successivi libri della serie, ovvero il ciclo di Dune, che affronta temi molto cari allo scrittore come l’evoluzione, la sopravvivenza umana, l’ecologia e la commistione di religione, politica e potere.

Herbert mostra fin dalla giovane età la passione per la scrittura e in particolar modo per la fantascienza, infatti nel 1952 riuscì a far pubblicare uno dei suoi racconti Looking for Something, sulla rivista Starling Stories ed in seguito a ciò ebbe il suo primo assaggio di notorietà.

La carriera da romanziere ebbe inizio con la pubblicazione di Smg. Ram 2000, che ottenne uno straordinario successo di critica inaspettato, seppur il vero trionfo lo raggiungerà, come già detto, con Dune, grazie al quale vincerà il Premio Nebula nel 1965 e il Premio Hugo nel 1966.
Dune non è soltanto un racconto ambientato in un futuro lontano, ma un complesso intreccio di politica, ecologia, antropologia e psicologia. Il genere di ambientazione futuristica in cui si svolge il romanzo è assolutamente non fondamentale rispetto al contenuto dello stesso, infatti la trama potrebbe essere trasposta in qualsiasi epoca senza perdere ciò che caratterizza il suo fascino. Queste peculiarità hanno fatto in modo che il romanzo sia diventato un fenomeno di culto influenzando radicalmente la letteratura fantascientifica successiva. L’ambientazione del romanzo è situata in un lontano futuro dove l’Umanità, pur viaggiando tra le stelle, ha rifiutato quasi tutta la tecnologia moderna a seguito di un violento jihad religioso antitecnologico che ha provocato la distruzione di macchine e robot di ogni tipo.

Ma linguaggio particolarmente ricco e coinvolgente di Frank Patrick Herbert si palesa anche in altre sue opere come Il cervello verde, pubblicato nel ’66: il romanzo si concentra sull’equilibrio ecologico tra uomini e insetti e sottolinea la necessità di rispettare l’equilibrio naturale della biosfera, dove ogni specie è fondamentale per la sopravvivenza delle altre. Ancora una volta spicca lo stile innovativo di Herbert che mette in luce la sua vera innovazione fantascientifica, stile che ritroviamo ne Gli occhi di Heisenberg in cui si mette in evidenza l’impatto negativo di una società statica e dei problemi che essa comporta.

Herbert è stato uno scrittore poliedrico, ha ricevuto diversi riconoscimenti e i suoi libri hanno visto diverse trasposizioni cinematografiche, come per esempio Dune: il film diretto da David Lynch nel 1984 resta un classico del genere. Lo stesso romanzo è stato adattato nel 2001 per una miniserie televisiva dal titolo Dune – Il destino dell’universo ed ha ispirato una serie di videogiochi.
Dopo la sua scomparsa, a partire dal 1999, il figlio Brian herbert ha pubblicato un secondo ciclo di romanzi di successo, Il preludio a Dune.

Quello della fantascienza è un genere letterario accattivante, ricco di colpi scena e particolarmente stimolante, e Frank Patrick Herbert ha saputo onorarlo al meglio.

Ivana Leone per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.