Back toDay. 31 dicembre

0 838

Back toDay. 31 dicembre

Di solito gli insegnanti del liceo ammoniscono gli allievi dicendo: “Guardatevi dal giudicare tutta la produzione di Leopardi in funzione del suo essere gobbo!”. E allo stesso modo tentano di convincerci che il povero Pascoli, che nasceva il 31 dicembre, non fosse un incallito voyeur… o meglio, che fosse anche altro (un insigne latinista, per esempio, il che non emenderebbe il voyeurismo, ma anzi accrescerebbe il sospetto di perversione). La poesia che spinge maggiormente i liceali a malignare è il famigerato Gelsomino notturno, che allude alla prima notte di nozze di un amico del Pascoli, Raffaele Briganti, cui seguirebbe il concepimento di una nuova vita che cresce nell'”urna molle e segreta” della moglie del Briganti. Per molti studenti è un’impresa improba trovare, durante le interrogazioni, un sinonimo che designi quell'”urna” molle e segreta, il che dà luogo a parafras31 dicembre #1i imbarazzanti.

Invece di fugare il sospetto del voyeurismo del poeta romagnolo, sarò maligno e accosterò al suo compleanno quello di Joe Dallesandro, che oggi compie sessantotto anni. Dallesandro fu una delle superstar della Factory di Andy Warhol, dove arrivò appena diciottenne, dopo esser vissuto per qualche anno del proprio bell’aspetto lavorando come modello e prostituto. L’occhio di Warhol, il grande motore immobile della Factory, si posò subito su Joe, già molto “vissuto”, e lo trasformò nel divo dei film più narrativi della Factory: Flesh, Cowboys solitari, Trash, Heat, diretti da Paul Morrissey.

La vicenda di Dallesandro e Warhol testimonia l’attrazione delle persone “esangui” per quelle “piene di vita”. E, augurandovi un anno nuovo pieno di vitalità, invidiabile tanto da Pascoli che da Warhol, il Back toDay vi saluta e vi aspetta nel 2016.

Preciso che il mio augurio / non è da interpretarsi

a mo’ di caldo invito / a vendersi o drogarsi!

[… a scanso di equivoci…]

Andrea Meroni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.