Back toDay. 22 dicembre

0 949

Back toDay. 22 dicembre

Come testimonia Provaci ancora Sam (1972, Herbert Ross), Woody Allen22 dicembre #2 è da sempre malato di “bovarismo”, quella deformazione del pensiero (di cui risentiva anche Madame Bovary) che spinge a ricondurre tutte le situazioni della vita a uno stereotipo romanzesco. Ed è per questa ragione che in Amore e guerra (1975) si illude che le truppe napoleoniche sospenderanno la fucilazione a cui è stato condannato per aver attentato alla vita di Napoleone: immagina che i soldati abbiano letto – con un anticipo di decenni! – la biografia di Dostoevskij che, condannato a morte per attività sovversive ai danni dello Zar, ricevette la notizia della grazia quando era già sul patibolo (in data 22 dicembre 1849).

“L’Imperatore ha il senso del suspense” mormora un po’ intimorito Woody, giusto prima di essere crivellato dai colpi: Napoleone ignorava queste finezze da drammaturgo sadico.

Ma cambiare idea è comunque umano e i voltafaccia sono roba di ogni giorno. Il 22 dicembre 1940 Winston Churchill, qualche anno dopo aver dichiarato che Mussolini era il più grande statista vivente, chiese formalmente al popolo italiano di destituirlo. Come scrisse Petrarca, il saggio muta consiglio, ma lo stolto resta della sua opinione… e gli Italiani scelsero di essere stupidi finché potevano.

Del resto che vuoi farci: / vent’anni di idiozia

Non basta certo un soffio / a farli volar via.

Andrea Meroni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.