Dal Getty di Los Angeles al museo di Aidone: il nuovo viaggio di Ade

0 778

Dal Getty di Los Angeles al museo di Aidone: il nuovo viaggio di Ade

foto-giuseppe-mineo2Nel cuore orientale della Sicilia, ad Aidone, in provincia di Enna, un piccolo tesoro è custodito tra le mura dell’ex convento dei Cappuccini: si tratta di capolavori dell’archeologia, alcuni dei quali  hanno vissuto un destino comune, in quanto trafugati dagli scavi di Morgantina e solo in seguito, dopo un acceso dibattito, restituiti. Tra i reperti del museo figurano i rarissimi acroliti di Demetra e Kore, i raffinati argenti ellenistici di Eupolemo e la celeberrima Venere di Morgantina, imponente scultura di due metri e venti d’altezza, scolpita nel  V secolo probabilmente da un allievo di Fidia operante nella Magna Grecia e da poco restituita dal Getty Museum dopo numerose polemiche.

Simili vicissitudini ha attraversato anche l’altro capolavoro che dal prossimo 21 dicembre sarà esposto al Museo archeologico: la testa di Ade, realizzata in terracotta policroma e risalente all’età ellenistica. Trafugata a Morgantina alla fine degli anni Settanta, la testa venne esportata illecitamente e venduta al Getty Museum  di Los Angeles nel 1985 dal collezionista americano Maurice Tempelsman per la cifra di 500 mila dollari e oggi giunta al termine di una complessa operazione, condotta dalla Procura di Enna in collaborazione con il Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale. Si è potuto, inoltre, dimostrare l’appartenenza del reperto agli scavi siciliani grazie alla perfetta corrispondenza tra la chioma della testa e i 4 “riccioli”, recuperati tra il 1978 e il 1988 e caratterizzati da una accesa cromia rosso mattone. Così ha dichiarato l’archeologa Serena Raffiotta, che ha contributo al rientro della testa di Ade nella sua città natale:

Il suo posto è ad Aidone, nel contesto archeologico di appartenenza. La presenza nel museo arricchisce accanto alle Dee di Morgantina la collezione in maniera significativa, contribuendo a raccontare un nuovo aspetto della vita religiosa dell’antica città testimoniando un culto non più tutto al femminile, come dapprima si pensava, ma per la triade divina. 

1455191091276-ade_rainews_20160211124238206La testa detta anche Barbablu, per il vivacissimo colore che la caratterizza, è stata oggetto di accese polemiche questa estate, dopo la decisione di esporla per 4 mesi presso il nuovo Museo della fiducia e del dialogo per il Mediterraneo di Lampedusa. Tale scelta è stata criticata dal sindaco di Aidone, Enzo Lacchiana, così come dalla comunità, in quanto una vera occasione mancata per il Museo archeologico e per la città che, in piena stagione turistica, ha perso una possibilità di rilancio a cui è, purtroppo, seguita la chiusura mattutina del sito archeologico di Morgantina per carenza di personale. E se da un lato la presenza di una nuova opera direttamente dall’America potrà essere stimolo per future mostre e punto di attrazione turistica, dall’altro lato c’è chi si mostra scettico. Così scrive Carmelo Caruso su La Repubblica di Palermo:

L’unico modo per valorizzare la testa è non accettarla. L’America ci ripensi e tenga in ostaggio la magnifica testa di Ade che solo il Getty Museum è riuscita a riesumare e che la Regione Sicilia seppellirebbe come ha già fatto con la statua di Venere che ad Aidone nessuno corteggia più. Solo in questa Regione infatti l’arte è stata ridotta ad ammortizzatore sociale, solo qui i custodi sono più numerosi dei visitatori.

Parole dure che però nascondono una verità: la situazione in cui versa il museo di Aidone non è di certo una delle più felici. Dei 22mila ingressi del 2014 i due terzi sono stati gratuiti e nel primo semestre del 2015 solo il 17% dei visitatori ha pagato il biglietto. Un grave problema per il museo, già soffocato dai tagli alla cultura  che ogni anno perde sempre più visitatori.

Elena Li Causi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.