Back toDay. 2 novembre

0 377

Se questa giornata non fosse già riservata alla commemorazione dei defunti, la si potrebbe ribattezzare così: la Giornata del Gattopardo.

Oggi ricorrono gli anniversari della nascita di Burt Lancaster (1913-1994) – che oggi avrebbe compiuto 103 anni – e di Luchino Visconti (1906-1976). Costoro sono stati rispettivamente il protagonista e il regista dell’adattamento cinematografico del romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

2-novembre-2Con pudicizia (non mi si accusi di banalità) mi tocca ripetere la frase ultra-emblematica e citatissima pronunciata da Tancredi, nipote del Principe di Salina (ossia Burt): «Se vogliamo che tutto rimanga come è, bisogna che tutto cambi». La Giornata del Gattopardo è legata, quindi, all’abilità trasformistica, ben padroneggiata dai suoi protagonisti, Lancaster e Visconti.

Lancaster era nato ad Harlem in una famiglia molto povera e trascorse la prima parte della sua carriera lavorando in un circo. Visconti stentò a credere che un americano, per giunta di natali così umili e con un passato da action-man, potesse essere il suo Principe di Salina… Ma il risultato lo sorprese.

Il nostro grande regista ostentava, invece, il suo camaleontismo in altro modo. Zeffirelli, quando gli è stato chiesto se Visconti fosse comunista sul serio, ha risposto: «Ma se licenziò su due piedi un cameriere perché si era dimenticato di pettinare i gatti persiani!». Una coerenza da vero Gattopardo.

Restando dunque in tema / di “Fregoli” provetti,

è pure il compleanno / del gran Gigi Proietti.

[che ha sempre puntato sulla sua abilità metamorfica, sulle mandrakate… Vedi Febbre da cavallo]

Andrea Meroni per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.