La Scapigliata – Henri Cartier-Bresson. Fotografo

0 1.068

La Scapigliata – Henri Cartier-Bresson. Fotografo

Il 19 ottobre è stata inaugurata la mostra Henri Cartier-Bresson Fotografo allestita all’interno del secondo piano nobile della Villa Reale di Monza. Si tratta di centoquaranta scatti realizzati fra gli anni Trenta e Settanta, dal momento in cui il fotografo – indeciso fra pittura e cinema – capisce che la fotografia è la strada per lui da percorrere fino al termine della sua collaborazione con la Magnum Photos. Sono scatti realizzati prima e dopo la Seconda Guerra Mondiale – che vive come combattente e prigioniero, dal gusto surrealista al movimento del foto-giornalismo.

HCB - Salerno 1933
HCB – Salerno 1933

Henri Cartier-Bresson (1908 – 2004) è oggi considerato un classico della fotografia, ma bisogna intendersi sul significato del termine che non vuol dire tradizionalista, né passatista o tutti gli altri -ista più o meno negativi che vengono in mente. Un classico è qualcosa che parla un linguaggio universale e atemporale – come diceva Calvino «un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire» e questa è una definizione applicabile anche al vasto mondo della visual art. Infatti, un classico oggi è stato un elemento di rottura ieri. Quando nel 1932 Cartier-Bresson realizza lo scatto Saint Lazare riscrive il linguaggio fotografico.

HCB - Prostitute Cuauhtemoctzin, Mexico City, Mexico, 1934
HCB – Prostitute Cuauhtemoctzin, Mexico City, Mexico, 1934

Saint Lazare è il perfetto esempio della fotografia accidentale, che rappresenta una piccola parte della produzione fotografica, soprattutto odierna, ma in ogni seminario, corso, conferenza si nomina e si venera l’incidente. Di incidenti ne capitano centinaia tutti i giorni ad ognuno di noi, e nessuno li riconosce. Ecco la differenza tra un grande fotografo, con la speranza di farsi classico, e tutti noi accumulatori seriali di pixel sugli smartphone. L’incidente ha bisogno dell’istinto che a sua volta ha bisogno della consapevolezza.

Quando nel 1947 Henri Cartier-Bresson fonda con Robert Capa, George Rodger e David Seymur la Magnum Photos realizza un’altra azione innovativa: creare un’agenzia di fotografia gestita dai fotografi stessi, che possa salvaguardare il copyright e l’integrità del loro pensiero.

Sicuramente, per apprezzare la selezione è necessario abbandonare l’abitudine alla fagocitazione distratta delle immagini che un po’ per spirito di sopravvivenza un po’ per incuria abbiamo sviluppato dalla costituzione della società dello spettacolo. Apprezzare il classico per sviluppare uno spirito critico che ci faccia da scudo, potrebbe essere un buon risultato da portare a casa dopo la visione di questa mostra.

HCB - Alicante Provincia di Valencia 1933
HCB – Alicante Provincia di Valencia, 1933

INFO:

Villa Reale di Monza

Veronica Benetello per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.