FAImarathon 2016: itinerari alla scoperta di una Milano inedita

0 993

FAImarathon 2016: itinerari alla scoperta di una Milano inedita

Piazza Tre Torri - Milano City Life
Piazza Tre Torri – Milano City Life

Fervono i preparativi per la quinta edizione della FAImarathon 2016, l’appuntamento firmato FAI – Fondo Ambiente Italiano che come ogni anno darà la possibilità di scoprire il patrimonio artistico e culturale italiano e sostenere il mese della raccolta fondi Ricordiamoci di salvare l’Italia.

Domenica 16 ottobre infatti sono previste 600 aperture straordinarie in centocinquanta città di tutta Italia, dalla Valle d’Aosta alla Sicilia, con più di centocinquanta itinerari ideati per imparare a conoscere luoghi delle città che viviamo ogni giorno, scoprendone aspetti inediti ed insoliti. L’evento, curato dai Gruppi Giovani del FAI di ogni città aderente all’iniziativa, punta a far scoprire un’Italia diversa attraverso una maratona culturale da correre con gli occhi.

A Milano due saranno gli itinerari previsti per la giornata, uniti da un unico filo conduttore: la vocazione trasformativa e la capacità di reinventarsi della città, caratterizzata da una storia di continue riconversioni.

Parco del Portello - Milano
Parco del Portello – Milano

Il primo percorso, dal titolo Radici Contemporanee – Il quartiere Fiera, storia di una trasformazione, racconterà la storia del quartiere Fiera, un quartiere significativo per Milano in quanto frutto di continue trasformazioni in divenire. Nato con la riconversione della Piazza d’Armi in sede della Fiera Campionaria di Milano, il quartiere ha da sempre rivestito un ruolo speciale per l’urbanistica e l’architettura della città, grazie a più di un secolo di continue trasformazioni che lo hanno di fatto reso simbolo della Milano Contemporanea.
Attraverso una passeggiata che comincia proprio da Piazza Giulio Cesare, un tempo ingresso monumentale alla Fiera Campionaria, verranno ripercorse le tappe fondamentali dall’urbanistica cortese di inizio secolo con le palazzine alla Haussmann e l’ex Galoppatoio fino a quella avveniristica contemporanea di Piazza Tre Torri.

Architetture e urbanistica di Metanopoli è invece il titolo del secondo itinerario, organizzato a San Donato Milanese dal Gruppo FAI Milano Sud Est. Sarà un percorso guidato che toccherà i principali edifici che caratterizzano Metanopoli: dalla Chiesa di Santa Barbara, nella quale si cela un mosaico di 700 metri quadrati, al Primo, Secondo e Quinto Palazzo Uffici ENI per concludersi nel nuovo Quartiere Affari.
Il percorso ha come obbiettivo quello di far conoscere la nascita e la crescita di un quartiere importante nello sviluppo economico dell’Italia del dopoguerra, il quartiere ideale voluto da Enrico Mattei, ancora contemporaneo dal punto di vista artistico e architettonico grazie agli interventi artistici di Cascella, Bacciocchi, Pomodoro, Nizzoli.

Metanopoli - San Donato Milanese
Metanopoli – San Donato Milanese

Una Milano contemporanea, come quella che lo stesso architetto e designer Giò Ponti contribuì a realizzare e che lui stesso definì: «The most italian thing in Italy». Una Milano che è la vera tradizione italiana, quella tradizione che non significa maggiordomi e case pompose, ma che significa far cose nuove in modo nuovo, facendole bene come le fecero cinquecento anni fa.

Spiegare l’emozione della FAImarathon 2016 e l’importanza di questa iniziativa significa spiegare la storia di una passione per l’arte, la bellezza, la ricchezza della nostra storia e raccontare la voglia di creare un legame speciale fra cittadini e territorio, svelando quanto di unico si racchiude nel nostro paesaggio urbano.

L’invito quindi è rivolto a tutti coloro che intendano trascorrere una giornata unica, diversa da tutte le altre, scendendo nelle vie della propria città e, con la guida di giovani volontari e apprendisti ciceroni del FAI, farsi accompagnare alla scoperta di tanti luoghi che da chiusi e invisibili si apriranno svelando segreti e sorprese, restituendo così una città da guardare con occhi diversi.

Greta Zuccali per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.