Loro di Roma – La principessa Danae nell’arte

0 608

Loro di Roma – La principessa Danae nell’arte

danae-tiziano-napoli-1
Tiziano Napoli, Danae (1545)

Eccoci ad intraprendere un viaggio alla scoperta dei miti degli antichi greci e romani rappresentati nelle opere d’arte. Tra le figure femminili più raffigurate, occupa un posto di primo ordine la principessa greca Danae, figlia di Euridice e del re Acrisio di Argo.

Il mito

Il sovrano Acrisio, disperato poiché non riusciva ad avere un figlio maschio, chiese un giorno ad un oracolo di pronunciarsi sul proprio futuro. L’oracolo disse che non avrebbe avuto discendenza maschile diretta ma che anzi, sarebbe stato ucciso proprio dal nipote, il figlio della propria figlia, e che avrebbe potuto salvarsi solo raggiungendo il paese più lontano del mondo. Il re però, nonostante la profezia, decise di non abbandonare il proprio regno e pensò invece di rinchiudere la propria figlia Danae in una torre, per impedirle di venire a contattato con un qualsiasi uomo. Non aveva però tenuto conto degli dei: Zeus, attratto dalla fanciulla, decise di trasformarsi in pioggia d’oro per riuscire ad entrare nella torre e fecondare la bella Danae. Da questa unione nacque l’eroe greco Perseo. Il re, venuto a sapere dell’accaduto e non potendo uccidere il nipote, lo fece abbandonare in mare insieme alla madre all’interno di una cassa di legno. Poseidone, signore delle acque, calmò però i flutti e consentì ai due fuggiaschi di giungere a terra. Arrivarono così sull’isola di Serifo, dove vennero accolti dal fratello del re Acrisio, Polidette, che allevò il ragazzo fino all’età adulta, mentre pare abbia reso schiava la povera Danae. Perseo fu presto impegnato in eroiche imprese come l’uccisione di Medusa e il salvataggio dell’amata Andromeda, sebbene il destino inesorabile aveva in serbo qualcosa di diverso. Si racconta infatti che un giorno, durante la celebrazione dei giochi funebri indetti da Acrisio in onore del fratello Polidette, arrivò anche Perseo, che però non venne riconosciuto dal re. Il giovane partecipò alle gare agonistiche, lanciando un disco (o una lancia) con una tale potenza da colpire accidentalmente il nonno, il quale morì, facendo così avverare l’iniziale profezia.

danae-rembrandt-1
Rembrandt, Danae (1636)

Danae nell’arte

Numerose furono le rappresentazioni di Danae nella storia dell’arte, soprattutto a partire dal Rinascimento: la presenza di una scena erotica – la fecondazione di Danae da parte di Zeus – giustificava in un certo senso la presenza stessa di un nudo integrale femminile. Chi scelse questo soggetto per le proprie opere furono artisti come Correggio, Tiziano, Rembrandt, Artemisia e Orazio Gentileschi fino a Klimt in epoca più moderna. La Danae di Correggio è una delle prime raffigurazioni di questo tipo e la sua fama fu così grande da ispirare numerosi artisti come Tiziano, che rielaborò il soggetto in maniera completamente differente in ben due opere. In Rembrandt invece la figura di Danae viene definita, anche senza attributi d’oro, come una prostituta o una “mantenuta” in attesa di un cliente o una donna di facili costumi che aspetta, nel letto, l’amante di turno. La rappresentazione più moderna è di Klimt, che scioglie ormai ogni velo di pudore: l’artista comprime il suo personaggio, assegnando a Danae una nuova forza esplosiva.

Il significato del mito

danae-correggio-1
Correggio, Danae (1532)

I dipinti che rappresentano Danae si prestano ovviamente a diverse interpretazioni. La pioggia d’oro che feconda la giovane donna, dimostra incontentabilità del desiderio erotico, in grado di superare ogni ostacolo per giungere al proprio fine. Sotto il profilo religioso invece, il racconto ricorda il potere assoluto degli dei che non si fermano di fronte alle barriere posta dagli uomini, vanificando così i piccoli stratagemmi umani. Non è un caso quindi che proprio la Danae del Correggio abbia rappresentato durante il corso dei secoli un’opera molto ambita, venduta e posseduta da ambasciatori, regine, importanti collezionisti e potenti uomini della nobilita.

L’Asino d’Oro – Associazione Culturale per MIfacciodiCultura

Sitowww.lasinodoro.it
Facebookwww.facebook.com/lasinodoro.it
Twittertwitter.com/@LAsinodOro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.