Museo in contemporaneo: rivoluzione Copernicana a Brera

0 775

Museo in contemporaneo: rivoluzione Copernicana a Brera

Museo in contemporaneoSi intitola Museo in Contemporaneo la nuova iniziativa che vede la collaborazione tra Brera, pinacoteca di Milano e Copernico, realtà che si propone come ultima tendenza nel mondo del business e del marketing, un cuore pulsante verso cui i imprenditori e professionisti sono attratti.

In un panorama contemporaneo, dove non è più sufficiente uno spazio dai confini definiti, le porte di una istituzione museale di fama internazionale come Brera, non restano chiuse. Anzi si aprono per ampliare l’offerta culturale iniziando con la sperimentazione dei nuovi spazi di smartworking. Scegliendo Copernico, Brera si è aperta ad una realtà nuova rispetto a quelli che sono i consueti ambienti con cui l’istituzione ha la tendenza a relazionarsi. Il museo ha cominciato così a muoversi su un nuovo territorio inesplorato, ma ricco di opportunità. Entrare a far parte dell’hub di uomini di affari attivi nel panorama cittadino ed internazionale è un modo per Brera di creare nuovi vantaggi per l’istituzione, senza perdere di vista gli obiettivi di promozione del proprio patrimonio, valorizzandolo nel portarlo al di fuori delle sale della pinacoteca per un dialogo diretto con la realtà economica odierna.

Comincia così il dialogo tra James Bradburne, direttore del museo meneghino e Copernico, Where The Thing Happen, che si trovano a discutere sulla creazione di talks sotto il filo conduttore di innovazione, storytellig e marketing.

copernico___where_things_happenCon la volontà di far conoscere l’importanza dell’arte e della cultura all’interno del mondo contemporaneo, sottolineandone il necessario connubio con il mondo del lavoro, della finanza e dell’economia, sono nati, dall’incontro delle due realtà, gli eventi che prendono il nome di C-Moments: talks, dalla durata di 22 minuti, che hanno come temi arte, lavoro, cambiamenti per il futuro tanto sociali, quanto culturali. 

Il programma ne prevede già tre, che si terranno nei prossimi mesi nelle date del 22 settembre, 20 ottobre e 15 dicembre per trattare quegli argomenti tanto cari al direttore di Brera quanto al club di coworking e smartbusiness: Il ruolo del museo nel futuro, Biblioteche in moto e Cultura come strumento del cambiamento sociale, questi i titoli degli speeches che si terranno nella location del Clubhouse Brera, già sede ospitante della realtà di Copernico.

A spiegare la natura di questi incontri è lo stesso James Brandburne:

Clubhouse Brera è un punto di incontro dinamico per imprenditori e professionisti italiani e internazionali e rappresenta un’importante opportunità per Brera per capire e sviluppare nuove sinergie con diverse audience, all’interno e al di fuori di Brera.

James Brandburne
James Brandburne

I C-Moments rispondono a quelli che Pietro Martani, fondatore di Copernico, ritiene i motivi conduttori proposti dalla realtà che mette a disposizione dei propri partner spazi per una nuova modalità di lavoro, sempre più attenta al benessere, necessità a cui Copernico sopperisce proponendo luoghi in cui la creatività e gli stimoli non possono mancare. 

Così come non possono mancare gli input provenienti dal mondo dell’arte che può agire nel contemporaneo ed essere una realtà attiva per favorire anche il quotidiano, all’insegna dello smart working, nuova frontiera del mondo del lavoro.

Il connubio tra gli spazi innovativi, messi a disposizione da Copernico per il coworking e la creazione di Hub creativi dal grande successo economico, con quelli tradizionali del museo si fa realtà con la nuova proposta di Brera. Una grande opportunità per ridare vita e rilanciare, secondo i nuovi trend contemporanei, i consueti spazi frequentati dagli amanti dell’arte, spesso accusati di chiusura.

Sara Cusaro per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.