Spider-Man: l’eroe quotidiano compie 54 anni

0 888

Spider-Man: l’eroe quotidiano compie 54 anni

steve ditko
Steve Ditko

Spider-Man è un personaggio della casa Marvel creato da Stan Lee e disegnato da Steve Ditko, ormai celebrrimo ed entrato nell’immaginario comune come uno dei supereroi per antonomasia.

L’Uomo Ragno fa la sua prima apparizione su Amazing Fantasy numero 15, il 15 agosto del 1962. Dalla sua nascita il Web Slinger (affettuoso nomignolo datogli dagli americani) ha generato numerosi film e serie animate, senza contare le varie evoluzioni e le numerose versioni alternative sono uscite nel corso degli anni, come per esempio Ultimate Spider-Man e Spider-Man 2099. La versione forse meno conosciuta è Spider-Man: India, dove il ragazzo dietro la maschera non è il Peter Parker che tutti conosciamo, bensi è Pavitr Prabhakar, un adolescente indiano che riceve in dono i suoi poteri per combattere il male da un saggio praticante di yoga.

Quanti di voi possono onestamente dichiarare di saper esattamente chi fossero Iron Man o Captain America prima del 2008, ovvero prima che l’universo cinematografico targato Marvel avesse inizio? Davvero pochi appassionati avrebbero saputo dire il nome dell’uomo dietro l’armatura di metallo. Cosa dire invece di Superman o di Batman? Questi eroi dei fumetti, per via delle loro numerose trasposizioni cinematografiche e televisive, ed anche grazie ai loro nomi accattivanti, ci hanno accompagnato per tutta l’infanzia: sappiamo chi sono, lo abbiamo sempre saputo. Spider-Man rientra anche lui in questa categoria insieme ai colleghi Super e Bat  ma è proprio lui, forse, il fumetto della Marvel più conosciuto.

Amazing_Fantasy_15Stan Lee prese inspirazione per Spider-Man guardando una mosca camminare sulla finestra del suo ufficio: la sua idea non prese forma immediatamente, infatti durante le prime fasi creative, Lee era indeciso sul nome da dare a questa sua nuova creazione. Alcune idee erano Fly Man (Uomo Mosca), Insect Man (Uomo Insetto) e Mosquito Man (Uomo Zanzara). Fumetti con nomi del genere non sarebbero certo durati per tutti questi anni, finendo nel dimenticatoio come centinaia di altri albi dai titoli buffi e poco credibili.
Martin Goodman, uno dei pezzi grossi della Marvel, non era a sua volta convinto dell’idea che il personaggio fosse un ragazzo e neanche che fosse adatto attribuirgli i poteri di un ragno. Pensava che un personaggio così giovane dovesse essere relegato al ruolo di spalla per eroi più maturi ed che i ragni fossero creature troppo ripugnanti per essere graditi dalla maggior parte del pubblico.  Stan Lee e Steve Ditko erano invece convinti che fosse arrivato il momento di dare ai lettori adolescenti un eroe in cui si potessero immedesimare e non solo un uomo a cui ispirarsi. Un ragazzo come tanti, con problemi esistenziali di solitudine ed inadeguatezza legati alla stagione dell’adolescenza. La sua forza sovrumana, la sua agilità e la capacità di prevedere gli attacchi nemici hanno dato il contributo definitivo al successo di personaggio e fumetto, permettendo di eleggere Spider-Man come uno degli eroi più amati di tutti i tempi.

Spider-Man-spin-offsLe origini di Peter Parker sono molto simili a quelle di svariati altri eroi dei fumetti e neanche in questo caso i super-poteri riuscirono a rompere le convenzioni  instaurate dagli innumerevoli “predecessori”, ma ciononostante Spider-Man ha comunque portato tantissime novità nel mondo del fumetto. Stan Lee ha creato un supereroe con problemi sociali e difficoltà finanziare, problematiche nelle quali quasi tutti noi ci siamo imbattuti prima o poi nella nostra vita. Le sue tristi e a volte tragiche storie romantiche e la sua impotenza nell’aiutare sua zia May dal punto di vista economico sono situazioni in cui ci si può immedesimare, sicuramente molto di più che nelle vicende di un alieno venuto da Kripton oppure in quelle di un genio, miliardario, playboy, filantropo. Queste caratteristiche quotidiane di Spider.Man hanno ispirato altri personaggi simili, completi di psicologie complesse esternate tramite le loro esperienze in situazioni difficili. Non si tratta solo di combattimenti contro potenti nemici, ma anche di momenti di difficoltà reali e tangibili.

spider400Non posso finire quest’articolo senza citare la frase più memorabile di questa incredibile icona moderna: «Da un grande potere derivano grandi responsabilità». Una frase pronunciata dallo zio Ben Parker rivolgendosi a Peter che coincide con la nascita dello Spider-Man eroe dopo la sua esperienza come figura televisiva. Parole che racchiudono una precisa idea di giustizia e che alimenteranno il senso di colpa che Peter Parker porterà con sé dopo che, a causa del suo “menefreghismo”, verrà ucciso suo zio per mano di un ladro che Peter/Spider-Man avrebbe facilmente potuto fermare. Questa frase è stata usata e riusata più volte in film e cartoni animati, ma continua a mantenere il suo impatto, anche dopo tanti anni.

Dopo molti tentativi cinematografici più o meno riusciti, sembra finalmente che questa volta si possa finalmente dare a questo personaggio la giustizia che merita. Se quello che abbiamo visto in Civil War è solo un assaggio, per il prossimo film di Spidey Homecoming allora possiamo stare tranquilli

Davide Frasca per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.