Il Festival del Cinema di Venezia, un sogno divenuto realtà

0 1.023

Il Festival del Cinema di Venezia, un sogno divenuto realtà

 1ª Esposizione Internazionale d'Arte Cinematografica
1ª Esposizione Internazionale d’Arte Cinematografica

Era il 1932 quando iniziò la Prima esposizione internazionale d’arte cinematografica a Venezia organizzato dalla Biennale, allora alla sua diciottesima edizione. Ufficialmente il festival del cinema più antico del mondo è divenuto un appuntamento culturale conosciutissimo in tutto il mondo.

Sono passati 84 anni da quel lontano 6 agosto in cui la magia ebbe inizio sulla terrazza del meraviglioso Hotel Excelsior al Lido di Venezia, una delle più suggestive cornici immaginabili per un evento di tale portata. Oggi l’evento è stato spostato al Palazzo del Cinema e agli edifici limitrofi, ampliandosi fino ad occupare gran parte del territorio del Lido veneziano, per accogliere sempre più pubblico e celebrità provenienti da tutto il mondo.

Il Leone d’Oro (l’originaria Coppa Mussolini, poi Gran Premio Internazionale di Venezia e infine Leone di San Marco), primo premio assegnato nella rassegna cinematografica veneziana, è tanto ambito e di valore quanto la Palma d’Oro a Cannes o l’Orso d’Oro del festival del cinema di Berlino.
Ai tempi della prima edizione del festival, la rassegna era non competitiva bensì un’esposizione a tutti gli effetti, perciò non fu la gara ma la grandiosità dell’evento, quasi inaspettata, ad attirare più di 25mila visitatori, numero destinato a crescere sempre più nel corso degli anni.

I titoli presenti in quell’edizione furono non di poco valore ed alcuni di essi erano già destinati a rimanere impressi nella memoria degli amanti del cinema di tutto il mondo per generazioni e generazioni. Tra questi ricordiamo Proibito di Frank Capra, Frankenstein di James Whale, Grand Hotel di Edmund Goulding e A me la libertà di Renè Clair. Il primissimo film proiettato fu Il dottor Jekyll di Rouben Mamoulian proprio la sera del 6 agosto, mentre il primo film italiano fu Gli uomini, che mascalzoni… di Mario Camerini, nelle sale del Lido la sera del 11 agosto.

In quella lontana estate del 1932 la Laguna si trasformò dunque in una Hollywood galleggiate, dall’atmosfera trasognata e quasi fiabesca, una sorta di sogno di mezza estate ad occhi aperti. Qualunque appassionato di cinema oggi sogna di poter presenziare al Festival del Cinema di Venezia, circondato dai più grandi divi del cinema. D’altronde sulla passerella del Lido si sono avvicendati i più luminosi nomi del cinema: solo nella prima edizione presenziarono da Greta Garbo a Clark Gable, da Loretta Young fino a Joan Crawford passando per Boris Karloff. Quell’estate c’erano davvero tutti e i più fortunati riuscirono ad incontrare anche il magnifico Vittorio de Sica, tra uno spettacolo e l’altro.

Locandina di Il dottor Jekyll (1931), primo film presentato nella storia della Mostra di Venezia
“Il dottor Jekyll” (1931), primo film presentato nella storia della Mostra di Venezia

Un mondo favoloso, letteralmente parlando, quello del Cinema negli anni ’30, su un’isola che non c’è da raggiungere non in volo ma a bordo di un traghetto, sommersi nella romantica atmosfera ondeggiante della laguna, con gli occhi un po’ ubriachi di vino e di chiaro di luna.

Il 6 agosto 1932 sembra lontano da noi anni luce e ci viene forse un po’ di malinconia a ricordare un mondo del cinema più ingenuo e meno improntato sul business. Ma il caso vuole che le cose belle, anche se sottoposte al mutare naturale della storia e dei costumi, a volte siano destinate a non finire mai: possiamo dunque consolarci con il fasto e la mondanità che ha assunto oggi questo stesso festival, luogo di ritrovo dei vip di tutto il mondo, divenendo di anno in anno sempre più prestigioso, conosciuto e rinomato. E ad un passo da noi, nella cornice di un’Italia che ha saputo non solo valorizzare la cultura ma anche  valorizzarsi a sua volta, portando avanti quella che è stata e che è tutt’oggi una vera e propria magia.

Chiara Parodi per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.