Back toDay. 28 luglio

0 637

A partire dallo storico Armory Show del 1913, in cui il suo “Nudo che scende una scala N°2” lasciò basito il pubblico americano, Duchamp – nato centoventinove anni fa, nel 1887 – aprì la via agli scandalizzatori professionisti che hanno popolato l’Arte del XX secolo.

Ma almeno il “Nudo” glielo esposero: nel 1917 la Society of Independent Artists rigettò il celeberrimo orinatoio noto eufemisticamente come “Fontana”; la motivazione è che non era Arte. Ma il Back toDay non può impegolarsi in queste questioni filosofiche-estetologiche: poche righe e poca voglia.

Com’è e come non è, coloro che minimizzano la portata del lavoro di Duchamp e dei suoi “figlioli” li considerano tuttalpiù come guasconi infiltrati nel mondo dell’Arte.

E a proposito di finti guasconi, oggi moriva nel 1655 Hercule-Savinien de Cyrano de Bergerac, che, oltre a dare l’imbeccata col proprio mitico naso al drammaturgo Edmond Rostand, fu anche scrittore, con un gusto che oggi potremmo definire fantasy, e uomo d’armi accanto a guasconi purosangue. Ma lui – sorpresa! – aveva sangue sardo.

 

Che sorte ria – disdetta, dannazione! –

che il suo epitaffio consti di un nasone

 

Andrea Meroni perMIfacciodiCultura

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.