Patrick Commecy e la ricerca della felicità sui muri

Ci sono pittori che dipingono il sole come una macchia gialla,
ma ce ne sono altri che,
grazie alla loro arte e intelligenza,
trasformano una macchia gialla nel sole.

Picasso

Patrick CommecyQuando siamo piccoli il mondo ci appare colorato e senza difficoltà. Non sappiamo sempre spiegarci gli orrori, avvertiamo solo una tristezza che ci possiede il cuore, ma poi ci diciamo che cambieremo il mondo, e ci crediamo davvero.
Quando siamo piccoli crediamo nella potenza in tutte le sue sfumature: la potenza che si trova in un bacio, quella forza che una carezza affettuosa possa davvero curarci da un ginocchio sbucciato. Crediamo nella forza degli abbracci e nella potenza delle parole.
Quando siamo piccoli sappiamo ascoltare e siamo attenti osservatori, cogliamo quello che si dice con la voce e quello che si lascia intendere con lo sguardo.
Quando siamo piccoli la felicità sta davanti a noi e non dobbiamo aspettare di girare un angolo di mondo tondo per trovarla.

Il problema nasce quando cresciamo e quando lo facciamo abbandonando l’animo leggero.

La leggerezza non è sinonimo di stupidità, la leggerezza è la chiave di volta per vivere bene e vivere bene vuol dire apprezzare, migliorare, non accontentarsi e vivere bene consiste nella ricerca della felicità nelle piccole cose, in quelle cose che rendono il mondo colorato, come lo vedevamo da piccoli.

Ogni bambino è un artista.
Il problema è poi come rimanere un’artista
quando si cresce

Picasso

Patrick Commecy ci è riuscito, è cresciuto, è diventato adulto, conservando però la tipica gioia dei bambini, il tipico gusto felice che caratterizza i cuori dei piccoli scopritori di felicità.

Il mondo è un posto ostile se non si riesce a trovarne il lato positivo e i lati positivi esistono sempre.

Il mondo, l’uomo, l’animale, tutto ciò che esiste ha un lato positivo: pregi e difetti che ci rendono unici. La grandezza, la fortuna, il coraggio, sta nel non arrendersi nella ricerca della bellezza, nella ricerca del lato positivo. La grandezza sta nel non soffermarsi sul difetto, ma andare oltre; ricercare l’essenza nel profondo e lasciare l’apparenza solo ai piccoli di cuore.

libreriamo_copertinaCi vuole coraggio a scavare in un mondo in cui il must è apparire, ci vuole coraggio, è difficile, ma nessuno ha mai detto che è impossibile.

Patrick Commecy lo sa. Un artista francese che dedica la sua vita alla ricerca della felicità tra le facciate di palazzi spenti. Il suo progetto, A-Fresco, consiste nel cercare la bellezza in potenza palazzi tristi, grigi e senza vita. Lui dà a questi palazzi una seconda possibilità: dipinge le loro facciate trasformandoli in attimi di felicità.

L’arte, in tutte le sue forme, è quella magia che permette di trovare un senso alla vita, di ridare colore a qualcosa o qualcuno che di vita ha solo il respiro. L’arte è quella magia per cui è possibile restituire al mondo quella specialità che lo rende un posto accogliente. L’arte, nel particolare la street art, ha la capacità di far riemergere, o di regalare per la prima volta, la felicità all’occhio che guarda, quell’occhio di un uomo che distrattamente procede nelle strade, ma che con la street art ha la possibilità di osservare le meraviglie della mano umana.

L’uomo è infatti colpevole di tante ingiustizie, compie tante azioni orribili, ma per fortuna è capace anche di questo, di meravigliare e catturare quell’occhio, che per qualche minuto non sarà distratto, ma verrà catturato dalla bellezza dell’arte che serberà nel cuore, in un angolo che terrà protetto dalla freddezza dei giorni anonimi, un angolo che potrà andare a visitare quando questa anonimia prende il nome della tristezza e come tale, schiaccia l’animo.

www.allaroundkaarlPatrick Commecy, attraverso la sua tecnica, riesce a regalare un’esistenza a un palazzo che non ne aveva mai avuta, o che l’ha persa sotto una mano distratta ed egoista. L’uso della prospettiva e del trompe l’oeil conferisce ai palazzi l’illusione di essere abitati da personaggi immersi nel colore e nella festa. Spesso arricchisce queste sue creazioni, inserendo dei personaggi famosi. Ad un primo impatto, chi passa, rimane confuso da quanto si trova davanti, tanto sono reali queste opere.

Un pezzo di mondo su cui Patrick può esprimere il suo talento e regalare all’uomo che passa e guarda, la possibilità di sorridere.

Commecy afferma che:

Pratico il mestiere più antico del mondo. In tutti i tempi, in tutte le civiltà, gli uomini hanno dipinto in quel modo. Io uso la pittura come un mezzo di comunicazione urbana.

Patrick crea miracoli di vita a portata di sguardo, non ci resta che meravigliarsi di fronte all’arte che ha il sapore di vita.

Vanessa Romani per MIfacciodiCultura

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
By on luglio 15th, 2016 in Articoli Recenti, Visual & Performing ARTs

RELATED ARTICLES

Leave Comments

uno × 2 =

Su Facebook

Su Instagram

Su Twitter