Back toDay. 15 luglio

0 379

Fountain 1917, replica 1964 Marcel Duchamp 1887-1968 Purchased with assistance from the Friends of the Tate Gallery 1999 http://www.tate.org.uk/art/work/T07573

Oggi è la seconda delle tre GCNQ, le Giornate Che Non Quagliano (vedi il Back toDay di ieri): le miracolose concordanze che mi permettono abitualmente di redigere la rubrica si sono sfasate per un misterioso corto circuito.

Centoventiquattro anni fa nasceva Walter Benjamin (1892-1940), autore del citatissimo “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica”. La “perdita d’aura”, la scomparsa della magia nella fruizione dell’Arte, è dovuta: 1) alla possibilità di moltiplicare l’immagine tipica della società di massa; 2) al “deprezzamento” dei materiali che vengono considerati Arte.

Rei per questo secondo aspetto sono i dadaisti (in particolare Marcel Duchamp che aveva portato in un museo la “bottiglietta d’aria di Parigi”, abolendo ogni relazione tra il concetto di “artisticità” e la fattura dell’oggetto che veniva definito Arte). IERI, nel 1916, Hugo Ball recitava il manifesto del movimento Dada presso il Cabaret Voltaire. Signor Ball, per amor mio, non poteva aspettare un giorno?

 

Se entrassi nella Storia avrei il buon gusto

di collocare ogni atto al giorno giusto.

 

Andrea Meroni per MIfacciodiCultura

 

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.