Jazz, progressive rock, cantautori e gitani al Villa Arconati Music Festival

0 1.659

Jazz, progressive rock, cantautori e gitani al Villa Arconati Music Festival

diana-krall (1)
Diana Krall

Il Festival di Villa Arconati, che si terrà dal 12 al 23 luglio, giunge quest’anno alla ventottesima edizione. E, anche questa volta, ospita un cast musicale che non delude le aspettative.

La rassegna affonda le proprie radici nel 1985, quando, per la prima volta, Villa Arconati viene aperta al pubblico per ospitare concerti di musica classica. Nel 1989, tale manifestazione si trasforma nel Festival di Villa Arconati, che diventerà uno degli eventi musicali più attesi dell’estate milanese. Il festival è frutto della collaborazione fra il Comune di Bollate, il Polo Culturale Insieme Groane, la Fondazione Augusto Rancilio e i sostenitori della manifestazione. In occasione dell’evento sarà possibile, tra l’altro, visitare la villa prima di ogni concerto; le visite guidate, organizzate dalla Fondazione Augusto Rancilio, avranno luogo alle 19.30 e alle 19.50.

cat-power-14 (1)
Cat Power

Ad inaugurare la serie di concerti sarà, martedì 12 luglio, Diana Krall, nota pianista e cantante jazz canadese, che presenterà il suo ultimo album Wallflower pubblicato lo scorso anno per la Verve Records. Ventitré anni di carriera, dodici album registrati in studio, cinque Grammy Awards e otto Juno Awards: con oltre quindici milioni di copie vendute nel mondo, Diana Krall è la musicista jazz più ascoltata e venduta nell’ultimo trentennio. Il suo Wallflower World Tour toccherà l’Italia per altre due date: il 9 luglio all’Umbria Jazz Festival di Perugia e l’11 luglio all’Arena Flegrea di Napoli.

Ad esibirsi domenica 17 luglio saranno Cat Power e William Fitzsimmons.

ian anderson (1)
Ian Anderson

Cat Power (Charlyn “Chan” Marshall) è considerata una delle più importanti cantautrici statunitensi emerse dalla scena indie-rock degli anni Novanta. Tanto che, per descrivere le sue ballate minimali, intimiste, pregne di struggente malinconia, è stata coniata la definizione di “dark-folk”. Il suo ultimo album, Sun, pubblicato nel 2012 per la Matador Records, presenta un’imprevista svolta elettronica nella sua carriera. La cantante sarà di nuovo in Italia per due date a settembre, il 6 a Cesena (in occasione dell’edizione 2016 della rassegna musicale acieloaperto) e il 7 a Firenze (Anfiteatro delle Cascine).
William Fitzsimmons è un cantautore e polistrumentista statunitense attivo dal 2005, anno in cui autoprodusse il primo album Until When We Are Ghosts. Alcune sue canzoni hanno figurato in famose serie TV, come Grey’s Anatomy, One Tree Hill e Teen Wolf. La prima data italiana di Fitzsimmons avrà luogo il 16 luglio all’anfiteatro del Vittoriale degli Italiani, in occasione del festival Tener-a-mente.

joan (1)
Joan Baez

A calcare il palco di Villa Arconati lunedì 18 luglio sarà Ian Anderson, che presenterà niente meno che The Best Of Jethro Tull. Anderson è un personaggio che non necessita di presentazioni: cantante, polistrumentista, compositore, storico leader e “menestrello” dei Jethro Tull, una delle band fondamentali del rock progressivo, con la quale Ian incantò il mondo grazie alla magia del suo flauto traverso. La sua band solista comprende John O’Hara alle tastiere, David Goodier al basso, Florian Opahle alla chitarra e Scott Hammond alla batteria.

L’evento di martedì 19 prevede An evening with Joan Baez, altra figura dallo status praticamente “leggendario”. Inutile dire che si tratta di una delle songwriter più acclamate nella storia della popular music. Una carriera musicale spalmata su oltre cinque decadi – cinquantasette anni sono passati da quella esibizione al Newport Folk Festival; figura chiave della storia della musica folk americana; icona del pacifismo e della lotta per i diritti civili. Joan Baez si esibirà altre tre volte sul suolo italiano nel mese di luglio: il 14 luglio al festival Tener-a-mente al Vittoriale degli Italiani; il 13 al Ravenna Festival;  il 18 a Roma, all’Auditorium Parco della Musica.

francesco-guccini (1)
Francesco Guccini

Nella serata di giovedì 21 luglio si terrà l’incontro con Francesco Guccini, condotto dai giornalisti Ernesto Assante e Gino Castaldo. Guccini, però, non canterà. Non si tratterà, quindi, (solamente) di un concerto, ma di una sorta di conferenza, di un momento di narrazione, di racconto. Il cantautore emiliano, che lo scorso novembre ha festeggiato i settantacinque anni pubblicando la raccolta Se io avessi previsto tutto questo – Gli amici, la strada, le canzoni, la prima opera “monumentale” che ripercorre oltre quarant’anni di carriera (includendo rarità ed inediti), traccerà la storia d’Italia dal dopoguerra fino ad oggi, attraverso la sua produzione musicale, i suoi libri, le sue origini. Non mancherà la partecipazione dei Musici, il gruppo di musicisti che ha accompagnato i concerti del cantautore nel corso della sua carriera.

Le sfrenate melodie zigane di Goran Bregović, musicista e compositore nato a Sarajevo, incendieranno l’atmosfera della villa il 22 luglio. Divenuto noto a livello internazionale per aver composto le colonne sonore dei film diretti dal connazionale Emir Kusturica, tra cui Il tempo dei gitani (1989), Il valzer del pesce freccia (1993) e Underground (1995), Bregović propone un mix esplosivo di musica tradizionale balcanica, tango, bande di ottoni ed elettronica. Il tour If you don’t go crazy, you are not normal, in compagnia della sua storica formazione, la Wedding & Funeral Band (fiati, percussioni e voci bulgare), prevede altre date italiane: dopo quella allo Stadio Zanussi di San Daniele del Friuli (in occasione del Festival Collisioni) e alla Villa Pisani di Stra (in occasione del Venezia Jazz Festival), i prossimi appuntamenti saranno alla Darsena di Rimini (23/07), all’Arena Sferisterio di Macerata (24/07) e alla Piazza Sordello di Mantova (26/07).

goranbregovic_1 (1)
Goran Bregović

A concludere la kermesse, nella serata di sabato 23 luglio, sarà Cristiano De André, che omaggerà il padre in occasione dei cinquant’anni dall’uscita del primo disco Tutto Fabrizio De André. Accompagnato dai musicisti Osvaldo di Dio, Davide Pezzin (Ligabue) e Davide Devito, con la collaborazione di Max Marcolini (Zucchero) per gli arrangiamenti, Cristiano De André proporrà il repertorio di Fabrizio, contenuto nei due album De André canta De André – Vol. 1 (2009) e De André canta De André – Vol. 2 (2010).

Per maggiori informazioni sull’evento, si veda il sito ufficiale del Villa Arconati Music Festivalhttp://www.festivalarconati.com/.

Lorena Alessandrini per MIfacciodiCultura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.