Back toDay. 12 luglio

0 439

Qualcuno di voi lettori saprebbe suggerirmi dei grafemi per traslitterare i gargarismi elettronici di R2D2 (C1P8, nel doppiaggio italiano) il barilotto-robot furbetto e polifunzionale della saga di “Star Wars”? Lo chiedo perché oggi è il compleanno dell’uomo che gli ha dato la voce: il sound designer Ben Burtt – classe 1948. Avrei voluto omaggiarlo quotando qualche facezia del piccolo R2D2… purtroppo mi manca il carattere (tipografico) adatto. Comunque di R2D2 riparleremo il 24 agosto, in 12 luglio #1concomitanza con il festeggiamento dell’ottantaduenne Kenny Baker, che indossava la sua piccola scatola: Baker è alto un metro e dodici centimetri.

Ben Burtt ha creato artificialmente la voce anche per un altro personaggio iconico della saga, il pelosissimo Chewbacca, il cui corpo ipertricotico poggiava sull’attore Peter Mayhew, alto 2.21 metri. Allo stesso modo, anche la voce di Darth Vader non proveniva dall’individuo che indossava la sua corazza: il timbro era quello pomposo di James Earl Jones, la stazza quella di David Prowse, di cui abbiam parlato dieci giorni fa, mentre la faccia apparteneva a Sebastian Shaw.

Oggi compie settantatré anni Walter Murch, storico collaboratore di Francis Ford Coppola e ideatore del nome stesso di sound designer. È per merito suo se, durante la famosa scena della Cavalcata delle Valchirie “sparata” dagli altoparlanti degli elicotteri in “Apocalypse Now”, sappiamo esattamente da che parte arriverà la Morte, sotto le spoglie dei Berretti Verdi.

 

Star Wars per più e più volte è qui riapparsa

eppur la nerdità in me è scarsa.

 

Andrea Meroni per MIfacciodiCultura

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.